Cerca

Al prezzo di 5 euro

Ryanair: da febbraio posti assegnati a bordo

La compagnia low cost perde soldi e corre ai ripari con un'operazione 'cortesia': a bordo si potrà portare una borsetta oltre al bagaglio a mano

Ryanair: da febbraio posti assegnati a bordo

Nel mondo del trasporto aereo si tratta di una piccola rivoluzione: Ryanair, la compagnia low cost più grande d'Europa, introduce i posti assegnati a bordo dei suoi voli. Una resa, la definirebbero i critici della compagnia di Michael O'Leary. Una resa a viaggi un po' più umani (senza dover correre a bordo per accapparrarsi i posti migliori) e un po' più comodi. E la prima volta, forse, che il vulcanico O'Leary si trova a inseguire qualcuno, in questo caso la concorrente Easyjet che i posti assegnati a bordo dei suoi aerei li ha introdotti più di un anno fa. In più, il vettore irlandese ha anche annunciato voli più silenziosi, cioè con meno pubblicità e concorsi strillati ai microfoni durante il volo. Due iniziative che fanno parte di una vasta operazione cortesia che prevede fra l'altro la possibilita' di portare una borsetta oltre al bagaglio a mano. Perchè se è vero che Ryanair conta tanti estimatori per i suoi voli sempre in orario e per le sue tariffe basse, conta altrettanti critici tra coloro che non sopportano di volare alle sue condizioni. proprio oggi, tra l'altro, la compagnia low cost ha tagliato le stime degli utili dell'anno fiscale 2013-2014 da 570 milioni di euro a una forchetta tra 500 e 520 milioni. E il suo titolo quotato alla borsa di Dublino ha perso il 12%. Così, a partire da febbraio, chi desidera scegliere il posto a bordo potrà farlo durante la prenotazione, naturalmente pagando: 5 euro (easyjet fa pagare di meno), mentre tutti gli altri posti saranno assegnati automaticamente nelle 24 ore prima della partenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • felipe ribbeck

    05 Novembre 2013 - 09:09

    troppo tardi cara ryanair,perche un calo dell 12% in euro e tanto ci dovevi pensare prima,ora la parola passa ai clienti,e non solo la borsetta extra ce anche le frequenze e gli orari assurdi che fai quando finisce l'state,arrivare a frankfurt hahnn alle ore 23 che poi il bus che ti porta a frankfurt centrale o parte prima che tu esca dall terminale con la tua valigia,o parte dopo cosi ti trovi ad arrivare alle due di notte alla medésima stazione,senza parlare de düsseldorf weeze,e delle coincidenze da pisa diretto in calabria puglia o sicilia quando non fai in tempo di prendere un altro volo,pensa un po di piú ai tuoi clienti che i soldi gli fai lo stesso,easy jet a giá fatto i conti e quell 12% continuerá a salire.

    Report

    Rispondi

blog