Cerca

Il caso

Baby squillo dei Parioli, l'intercettazione della madre: "Ci servono i soldi"

Da una parte, una figlia che vuole andare a scuola ma non ha tempo per i compiti. Dall'altra, una mamma che la sprona: "Quando esci da scuola, torni a casa, studi due ore..."

Prostituzione minorile

Prostituzione minorile

"Senti un po'... Ma tu che fai? Nun te movi oggi?", chiede la mamma. "No mà, perché sto male e... già ho detto...", risponde la figlia. "E come facciamo? Perché io sto a corto, dobbiamo recuperare", incalza ancora la madre. Facile pensare a una comune conversazione tra una madre e una figlia. Difficile pensare, invece, che quella madre stia chiedendo alla figlia perché resti a casa, quando dovrebbe essere fuori, con un cliente, a prostituirsi, per mantenere la famiglia, "che è a corto"... di soldi. Eccoli, gli inquietanti stralci di una conversazione, intercettata dai carabinieri del nucleo investigativo di Roma nel pomeriggio del 7 ottobre scorso, tra la 14enne Emanuela (nome di fantasia), una delle due baby squillo dei Parioli, quartiere in della Capitale, e la madre. Una conversazione che non solo conferma la consapevolezza della donna sul doposcuola della figlia minorenne, ma che, anzi, attesterebbe come la studentessa fosse pressata in questa sua "attività". Ecco la telefonata intercettata:

Intercettazione - F.: "Eh, mo' vedo che possa fà... comunque pure se, eh... comincio tardi... cioè oggi ma veramente sto male... domani dopo scuola si vede, dai...". M.: "Ma ce la facciamo a recuperarla sta settimana?". F.: Ma come no, a voglia...". Una conversazione in cui la madre non sembra preoccupata tanto del rendimento scolastico della figlia, quanto del tempo che, studiando, potrebbe sottrarre ai suoi clienti, e al relativo guadagno. M.: "Mi ha chiamato la tua professoressa di latino... voleva sapere perché non stai andando... gli ho detto che non si sente bene... mi ha detto: pensa che domani verrà a scuola? Allora tu che cosa hai intenzione di fare? Dimmelo perché se no... ci prendiamo in giro... andiamo dagli insegnanti e glielo diciamo...".

Sulla scuola... - F.: "Ma io voglio andarci a scuola.. è solo che non c'ho tempo per fare i compiti...". M.: "E va be', il tempo si trova per fare i compiti...". F.: "Quando si trova, mamma?". M.: "Quando esci da scuola, torni a casa, due ore studi...". F.: "Ma dopo non ce la faccio ad andare da 'Mimmi' (soprannome dello sfruttatore Mirko Ieni, uno degli uomini arrestati), perché dopo che ho studiato sono stanca". La madre si scalda: "Riflettici bene perché altrimenti io ti ritiro". F.: "Non lo puoi fare, mamma, non ho 16 anni". M.: "Apposta, allora ce devi anda'". 

Gli arresti - Le due baby squillo dei Parioli si procacciavano i clienti con annunci privati, venivano spacciate per maggiorenni, e poi tenevano per sé una percentuale degli incassi. Dietro di loro, in stato di fermo insieme alla madre, il commercialista Riccardo Sbarra, di cui sono stati recentemente resi noti i messaggini che inviava a una delle due studentesse, il soldato abruzzese Nunzio Pizzacalla, il romano Mirko Ieni e il commerciante Michael De Quattro, accusato di aver ricattato le due giovani studentesse con un video dei loro incontri sessuali. Uomini che da quelle due ragazzine ricamavano un vero e proprio business: "Queste due me fanno guadagnà 600 euro al giorno", dice trionfante Ieni in un'altra intercettazione telefonica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dior

    12 Marzo 2014 - 17:05

    Perchè luxuria si fa chiamare ancora Vladimiro? forse ha qualche dubbio sullla sua sessualità? mi piacerebbe vederlo nudo...

    Report

    Rispondi

  • alberto55

    10 Novembre 2013 - 15:03

    Questo essere non può essere chiamato mamma, per il senso nobile che ha questa parola; non credo nella giustizia, ma spero che trovi un giudice donna e mamma che le dia una pena talmente lunga da farle rimpiangere di essere al mondo!

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    09 Novembre 2013 - 02:02

    Certo , mi perdonerà se lo tiro in causa nella mia nullità, ma ci fu chi veniva chiamato il figlio dell'uomo , che disse "chi è senza peccato scagli la prima pietra... " proprio per un caso "simile" .... certo però immaginare (tranne gli ipocriti che dicono dicono ... poi le frequentano !!) un comune mortale che non legnerebbe a sangue una mamma del genere ... ci vuole tanta fantasia !!! Forse è parte dei tanti sintomi di una società senza più regole e freni ... che di "bello" ha ormai solo il luccichio dei propri proclami!!! Insegnare hai nostri figli il vantaggio di una vita morigerata ... non è negargli un futuro di ricchezza ... ma non farli diventare dei deficenti !!! Sfruttarli per i nostri egoismi ... spero porti alle fiamme dell'inferno !!!

    Report

    Rispondi

  • Devogu

    08 Novembre 2013 - 19:07

    Ma che schifo. Sto per vomitare. Invio e cambio pezzo

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog