Cerca

"Esiste anche una furbizia cristiana"

Papa Bergoglio: "La corruzione è come una droga, è frutto del demonio"

Il Pontefice: "Malcostume frutto del demonio. Rovinano anche i nostri figli"

Papa Bergoglio: "La corruzione è come una droga, è frutto del demonio"

"La corruzione è come la droga: si comincia con una piccola bustarella, ma non si smette". E' un seme infetto "del Demonio, che toglie la dignità non solo chi la pratica, ma anche i suoi figli". Papa Francesco durante la quotidiana messa nella casa di santa Marta parla dei problemi della pubblica amministrazione, e lo  fa lanciando anatemi contro lo scambio di tangenti. "La corruzione è un'abitudine mondana - sono le sue parole - e fortemente peccatrice. E' un'abitudine che non viene da Dio: Dio ci ha comandato di portare il pane a casa col nostro lavoro onesto". Le conseguenze del comportomanto peccaminoso, spiega il pontefice, non si riversano solo sul pubblico ufficiale disonesto, ma anche sulla sua progenie: "Quest'uomo dà a mangiare ai suoi figli pane sporco - incalza -. E i suoi figli, forse educati in collegi costosi, forse cresciuti in ambienti colti, avevano ricevuto dal loro papà, che ha perso la dignità, come pasto sporcizia". Secondo Jorge Bergoglio le tangenti sono il risultato di un decadimento morale, "l'atmosfera, lo stile di vita, la mondanità che piace tanto al Demonio".

La preghiera - E' proprio ai peccatori della pubblica amministrazione e ai loro figli che il papa rivolge la propria preghiera. "Forse oggi - ha detto il pontefice durante l'omelia - ci farà bene pregare per tanti bambini e ragazzi che ricevono dai loro genitori pane sporco. Pregare perché il Signore cambi il cuore di questi devoti della dea tangente - continua - e se ne accorgano che la dignità viene dal lavoro degno, dal lavoro onesto, dal lavoro di ogni giorno e non da queste strade più facili che alla fine ti tolgono tutto". Alla furbizia mondana di cui si alimentano questi peccatori, spiega Bergoglio, bisogna contrapporre "la furbizia cristiana di fare le cose un po' svelte, ma non con lo spirito del mondo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • littlefrancisco

    03 Aprile 2014 - 18:06

    Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un pò ( e siccome sei molto lontano più forte ti scriverò )... I corrotti non passano ai propri figli un pane sudicio e lercio, perchè comprato con i proventi delle tangenti; più che altro passano ai figli col proprio DNA gli acidi induttori,noto minus di valenza animico-spirituale. Se in tempi non sospetti eravamo quelli che non sanno cosa fanno,figuratiora

    Report

    Rispondi

blog