Cerca

Sentenze per tutti

PIPI' PER STRADA
La Cassazione: "Non c'è reato
se il bisogno è impellente"

La Suprema Corte dà ragione a un impiegato che era stato fermato di notte mentre sfogava i suoi istinti all'aperto perché non aveva trovato bagni pubblici

PIPI' PER STRADA 
La Cassazione: "Non c'è reato
se il bisogno è impellente"

Quando scappa, scappa. E' per questo che la Cassazione ha cancellato la condanna di 200 euro di multa e assolto un 55enne A.T., dipendente pubblico di Lamon, denunciato con l’accusa di atti contrari alla pubblica decenza. All’1.30 del 2 gennaio 2009 l’impiegato, come racconta il Gazzettino di Belluno, era stato sorpreso dai carabinieri mentre faceva i propri bisogni in una stradina vicina a un ristorante in piazza a Lamon. "Sono dispiaciuto - cercò di spiegare l'uomo - ma sono stato costretto a usare questa stradina buia come toilette perché i tentativi di utilizzare i servizi del ristorante sono falliti". I carabinieri però non hanno voluto sentire scuse. Ora arriva la sentenza della Suprema Corte a dargli ragione: "fare pipì in luogo pubblico, per motivi impellenti, non è reato". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aquasimplex

    12 Novembre 2013 - 12:12

    Fare pipì non è un istinto, ma una necessità (o bisogno) fisiologico. Come respirare, dopo aver trattenuto il respiro per un po'.

    Report

    Rispondi

  • Vigar

    12 Novembre 2013 - 12:12

    Credo di interpretare il pensiero di tutti coloro che si sono trovati in stato di estrema nacessità senza avere altra possibilità di sfogo. Ma dove sono finiti i gabinetti pubblici???? Troppo costosi da mantenere? Certo, quei pochi soldi che ci stanno è meglio spenderli in Rolex e Mont Blanc! Vergognatevi!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Novembre 2013 - 11:11

    I vespasiani, vecchio strumento di civiltà! Bagni pubblici prativcamente inesistenti, mentre i locali pubblici, come Bar, Ristoranti ecc. impediscono, forse giustamente vista la mancanza di civiltà del popolo italiano, l'uso dei bagni ai non avventori. Ebbene qual'è la risposta civile di un paese civile? Costruiamo novi servizi pubblici puliti sorvegliati ed efficenti? No, fate i vostri comodi per strada, anzi, come ne medioevo, svuotate pure i pitali per la via...Ma che raza di apese stiamo diventando?

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    12 Novembre 2013 - 09:09

    Flavio Vespasiano lo aveva capito secoli fa' .... siamo nel 21 esimo secolo e la gente piscia per stada , come siamo regrediti...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog