Cerca

Recidivo

Milano, il ghanese Kabobo prova a strangolare il suo compagno di cella

Dopo aver ucciso tre persone lo scorso maggio, il ghanese si è accanito su un altro detenuto. Poi il delirio: "Me lo ha detto Dio di farlo e io eseguo i suoi ordini"

Mada Kabobo

Mada Kabobo

Adam Kabobo ci riprova. Il ghanese che lo scorso 11 maggio ha ucciso a colpi di piccone tre persone a Milano, ha messo le mani al collo del suo compagno di cella tentando di strangolarlo. Il fatto è successo pochi giorni fa nel carcere milanese di San Vittore dove Kabobo è recluso dallo scorso maggio. Il ghanese dopo il tentato omicidio ha tentato di difendersi dicendo di aver  sentito delle "voci", anche "di Dio", che gli chiedevano di uccidere il detenuto. L'intervento della polizia penitenziaria di guardia è arrivato immediatamente. I poliziotti hanno immobilizzato Kabobo e lo hanno portato fuori dall cella. La vittima, l'altro detenuto non ha riportato ferite gravi. Noi non siamo stati informati da alcuno di quanto è accaduto", ha spiegato l’avvocato Benedetto Ciccarone, che difende il ghanese assieme al legale Francesca Colasuonno. Il difensore ha chiarito che è andato a trovare in carcere Kabobo alcuni giorni fa e che gli aveva raccontato che stava condividendo la cella con un altro detenuto. Per l’avvocato Ciccarone "è una cosa molto strana e grave" che un detenuto come Kabobo, "con seri problemi psichiatrici e che sta seguendo delle terapie, venga messo nella stessa cella con un’altra persona". Dopo l’aggressione, il ghanese è stato trasferito in isolamento ed è sorvegliato a vista. 

 

 

 

"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucy

    15 Novembre 2013 - 12:12

    peccato che il picconatore non è passato dalle tue parti , cosi si sarebbe scoperto se hai un cervello.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    14 Novembre 2013 - 17:05

    come stiamo facendo con la Franzoni, con Olindo e Rosa, con la Erika, con Abel e Furlan, con quel milanese, molto milanese, che ha ucciso un tassista a calci perché aveva urtato un cagnolino: senza guinzaglio ed in mezzo alla strada, non sul marciapiede. Ma come fate voi destri ad essere così maldestri?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    14 Novembre 2013 - 17:05

    ultimamente in Inghilterra è successo lo stesso; in Norvegia e in Finlandia de mezzi deficienti ne hanno sparati da 30 a 100; negli USA (qui in continuazione), ci sono squilibrati che ammazzano a fucilate decine di persone e nessuno dei presenti, malgrado siano infarciti del mito della frontiera e della giustizia fai-da-te, con milioni di armi in libera circolazione e legislazioni molto lassiste, non c'è mai nessuno che interviene, se non la Polizia o le Swat. Magari pensare, prima di scrivere, non farebbe male

    Report

    Rispondi

  • isidoro1964

    14 Novembre 2013 - 17:05

    ...tre "poveri cristi" milanesi non avrebbero avuto la testa spaccata a picconate. Ma chissà quante lacrime di quei fessi della sinistra. Adesso dovremo mantenerlo per tutta la vita! Questo è certo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog