Cerca

La legge

Tariffa sociale per l'acqua: ora si paga in base al reddito

Un'idea per aiutare chi guadagna meno. Ma così si premiano gli evasori e si penalizzano i dipendenti

Tariffa sociale per l'acqua: ora si paga in base al reddito

Mentre si pensa a una tassa sulla prima casa che vada in base al reddito, arriva l'approvazione di una tariffa sociale per l'acqua, che assicura agli utenti a basso reddito l'accesso a condizioni agevolate alla quantità di acqua necessaria al soddisfacimento dei bisogni fondamentali. Un passo avanti? Se si contano solo le intenzioni, sì. Ma rimane il fatto che in Italia a dichiarare di più sono pensionati e lavoratori dipendenti, mentre cresce il numero di evasori.

La tassa è prevista dall'articolo 26 del decreto legge Ambiente, collegato alla legge di stabilità e approvato oggi dal Consiglio dei Ministri. Sarà poi direttamente l'ente per l'energia elettrica e il gas a stabilire le condizioni tariffarie agevolate, mentre la sostenibilità dell'intervento e la copertura dei relativi costi verrà coperta da un'apposita componente tariffaria in capo alle utenze non agevolate, ovvero a chi non usufruisce di sconti. "Per prima volta è stata introdotta una tariffa sociale per l’acqua" ha detto il ministro dell’Ambiente Andrea Orlando. Per Orlando si tratta di una "prima risposta al messaggio politico venuto dal referendum, recependo quelle indicazioni". Conclude: "Non si può lasciare all’ azienda la facoltà di decidere del distacco dell’acqua. Bisogna garantire procedure vista la specificità del bene acqua, che è un bene fondamentale per la vita umana".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mlgponte

    16 Dicembre 2013 - 18:06

    Ogni giorno ci avviciniamo sempre più al comunismo, tra l'indifferenza di molti e la gioia dei parassiti italioti. A quando la stella rossa in mezzo al tricolore ?.

    Report

    Rispondi

  • mirtilla2011

    16 Dicembre 2013 - 12:12

    ...basso reddito (veri e falsi) e aggiunga ceti sociali destra becera. Quanto al PDL ha fatto questa politica sin dall'inizio con le promesse di asini che voleranno (togli una tassa, ma che bravi, mettine altre tre tutti zitti...).

    Report

    Rispondi

  • bombaci

    15 Novembre 2013 - 16:04

    Stanno deliberatamente e scientificamente ammazzando la classe media impiegatizia e pensionata per girare i soldi ai basso reddito (veri e falsi) ed agli extracomunitari, i ceti sociali della sinistra, nell'indifferenza dei filo-governativi PDL. Amici o ci svegliamo e ci ribelliamo sul serio o sulle pressioni anche europee per depredarci dei nostri beni sudati e dichiarati e farceli svendere, finiremo male.

    Report

    Rispondi

blog