Cerca

Il delitto di Cogne

Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni a casa per un permesso di 5 giorni

La donna in carcere per l'omicidio del figlio, può andare a braccetto col marito

Delitto di Cogne, Annamaria Franzoni a casa per un permesso di 5 giorni

Un permesso premio di cinque giorni. Annamaria Franzoni torna a casa. La donna, in carcere per avere ucciso nel 2002 il figlio Samuele, nei giorni scorsi è stata vista fare la spesa e camminare nel paesino sull'Appennino bolognese dove vive la famiglia e far la spesa con il marito e uno dei due figli. Dal 7 ottobre era stata ammessa al lavoro esterno in una coop della parrocchia di S. Antonio di Padova, dove oggi si trova regolarmente. Ora il magistrato di Sorveglianza ha concesso un permesso premio. Si tratta di quei permessi regolati dall'articolo 30 ter dell'ordinamento penitenziario, che consente ai detenuti di coltivare interessi affettivi, culturali e di lavoro. La decisione è stata presa sulla base della relazione del Gruppo di osservazione e trattamento (Got) che fa una sorta di 'diagnosi' sul detenuto. Insomma ormai la donna sta più tempo fuori dal carcere che dentro. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • afadri

    15 Novembre 2013 - 17:05

    per vivere "bene" bisogna uccidere. Sì uccidere il proprio figlio…tanto poi ti graziano presto!

    Report

    Rispondi

  • er sola

    15 Novembre 2013 - 17:05

    …attenti bambini!!

    Report

    Rispondi

  • lucy

    15 Novembre 2013 - 16:04

    con ansia un libro , un film e l intervista con la D Urso!

    Report

    Rispondi

blog