Cerca

Il caso

Poliziotto si ammala di cancro per la Terra dei fuochi, ma lo Stato non lo risarcisce

Ha visitato decine di discariche pericolosissime, ha percorso i luoghi dell’orrore in provincia di Caserta e ora lotta conto un tumore. Ma il risarcimento vale solo 5 mila euro

Poliziotto si ammala di cancro per la Terra dei fuochi, ma lo Stato non lo risarcisce

Ha svolto il suo lavoro da poliziotto. Ha visitato decine di discariche pericolosissime. Ma per il sostituto commissario Roberto Mancini, oggi malato di canccro per quell'aria tossica respirata in Campania ne "la terra dei fuochi" non ci sarà un risarcimento da parte dello Stato. E' questa l'incredibile storia che racconta il Fatto Quotidiano. Mancini ha pagato pesantemente il prezzo del suo lavoro: un tumore direttamente collegato con la contaminazione da sostanze pericolose.Per anni ha inseguito il re della monnezza e ha aiutato i pm di Napoli a portare avnti le loro inchieste sul clan Biodognetti. Ora la malattia. La sua malattia – già riconosciuta come legata al suo servizio per lo Stato – è stata valutata appena cinquemila euro. Roberto Mancini ha deciso di chiedere un risarcimento alla Camera dei deputati, per se e per la sua famiglia. E qui è iniziato un vero percorso ad ostacoli. Prima l’avvocatura gli risposto che lui non era un dipendente, visto che prestava servizio a titolo gratuito. Quando gli avvocati del poliziotto hanno mostrato gli estratti dei Cud, la risposta è stata questa: quei soldi venivano corrisposti come emolumento dall’Ispettorato di polizia della Camera dei deputati e non dalla Commissione. Insomma, per il parlamento Roberto Mancini non ha diritto a nessun risarcimento: “Ho deciso di contattare il presidente Laura Boldrini – racconta Mancini al Fatto – ma la risposta che ho ottenuto è stata ‘Non ci posso fare nulla’”. La richiesta di andare a prestare servizio presso la Camera dei deputati – ricorda oggi – “arrivò direttamente dal presidente Massimo Scalia. Era chiaro a tutti per chi stavo prestando la mia consulenza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    06 Dicembre 2013 - 15:03

    aspetta che lo stato gli dia il giusto indennizzo aspetta che l'erba cresce.Non li ha dati nemmeno alle vittime di Poggiolini figuriamoci se lo da a questo povero cristo.In questi casi il motto è"falli attendere che intanto crepano tutti"...

    Report

    Rispondi

blog