Cerca

Le indagini

Roma, la confessione della baby squillo: "800 euro in due giorni, abituata al lusso, non so se so smettere"

Dai verbali della Procura di Roma il quadro psicologico di una ragazzina confusa, attratta dal lusso

Roma, la confessione della baby squillo: "800 euro in due giorni, abituata al lusso, non so se so smettere"

“È difficile per me adesso pensare che devo andare in giro con i mezzi pubblici. Spendevo tutto perché pensavo ‘tanto domani li rifaccio’. Io mo’ non so manco come uscire il sabato. Non so nemmeno se ce la faccio a non rifarlo". Prostituirsi per garantirsi un tenore di vita alto. Non poter dire basta per non rinunciare al lusso. E' il quadro che emerge dai verbali dell'indagine della Procura di Roma sulle baby squillo. A parlare è la più piccola delle due prostitute adolescenti, la 14enne che ha cominciato a fare commercio del proprio corpo per emulare l'amica di 15. "Verso maggio le ho detto: senti, ma magari provo a farla anche io questa cosa? - racconta ai pm - La prima volta niente, sono andata, ho provato. Scandalizzata mi sono messa a piangere". Ma, superato lo choc psicologico dell'esordio, la ragazza ha continuato a prostituirsi: "Tendo a dimenticare 'ste cose – spiega la ragazza – perché altrimenti non potrei davvero più vivere con me stessa. Io mi sdoppio, divento un’altra persona, non penso a niente. Ritorno me stessa dal momento in cui entro in casa". Ma che cosa spingeva una 14enne poco più che bambina a fare "la vita": "Quando andava bene, avevamo 800 euro in tasca in due giorni". Soldi che le servivano, racconta,"per comprare tutto quello che volevo. Taxi, vestiti, shopping, sigarette, borse di marca". Ed è proprio l'abitudine al lusso che tiene legata questa ragazza al mondo della prostituzione. "Non volevi farlo più?", le chiede il pm. "Per me era diventato un peso - ma poi corregge il tiro -. No, io non è che non voglio farlo. Io certe volte dico: Ma che cazzarola sto facendo?. E certe altre dico: Questa cosa mi serve". Nella confusione di un'adolescente finita in qualcosa più grande e pesante di lei, c'è spazio per il rammarico: "Non più manco tanto allo studio e ‘sta cosa mi dispiace perché a me ‘sti anni non me li ridarà mai più nessuno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • stonefree

    14 Marzo 2014 - 20:08

    e' possibile che in famiglia non si siano accorti che il tenore di vita era quantomeno differente dal solito una ragazzina con borse da adulti firmata.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    28 Novembre 2013 - 11:11

    E' normale che sia cosi'...le donne essendo zoccole dalla nascita pensano solo ai soldi,e pur di averne tanti sposerebbero anche Alvaro Vitali pieni di soldi che le faccia fare le vacanze di Natale a "Covtina" , che compri loro SUV, villoni con piscina ecc...tanto poi per trombare c'è sempre il giardiniere albanese ben dotato che le impala !

    Report

    Rispondi

  • raucher

    28 Novembre 2013 - 10:10

    Non rinunceranno mai ai soldi facili e continueranno a prostituirsi. Salvo poi , tra vent'anni ,invecchiate e fuori mercato , ritrovarsi in miseria a bussare alle porte della pubblica assistenza . Parassiti in erba crescono.

    Report

    Rispondi

blog