Cerca

Il caso

Salerno, testa di maiale a casa del sindaco De Luca

"Grazie ma preferisco zeppole e babà" risponde il viceministro

Salerno, testa di maiale a casa del sindaco De Luca

Intimidazione nei confronti del sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, esponente del Pd e viceministro nel governo Letta. Ieri sera è stata depositata una testa di maiale mozzata con in boca un limone, poggiata sopra le cassette della posta.

La risposta - "Grazie per il vostro affetto. Sono grato per l'attenzione gastronomica, sebbene un pò pesante.Per le feste ci si orienti su babà e zeppoline". Così il sindaco De Luca, che in quel momento si trovava a Roma, commenta la testa del suino accompagnata da nessuna lettera.

Il consigliere regionale del Pd Gianfranco Valiante parla di "grave atto di intimidazione di stampo camorristico". Solidarietà anche da Forza Italia: il coordinatore cittadino del partito Antonio Roscia si augura che "si tratti solo di una bravata".  Dopo che la  testa è stata rimossa dall'androne del portone di casa De Luca in via Lanzalone, ci penseranno gli specialisti ad analizzarla alla ricerca di possibili tracce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • toni resetti

    27 Novembre 2013 - 19:07

    continui come ha sempre fatto. La Salerno vera e migliore è tutta dalla sua parte.

    Report

    Rispondi

blog