Cerca

La tragedia

Prato, incendio nella fabbrica di cinesi: almeno 4 morti

Nella notte si alza un rogo per motivi ignoti nel dormitorio della struttura: due intossicati, molti mancano all'appello

Prato, incendio nella fabbrica di cinesi: almeno 4 morti

Almeno sette morti e decine di feriti: è il bilancio, provvisorio, del drammatico incendio scoppiato in una fabbrica di abiti pronto-moda gestita da cinesi a Prato, nella zona industriale del Macrolotto. Altre persone che dormivano nel dormitorio all'interno della struttura mancherebbero all'appello. Tra le prime vittime c'era un uomo, a piedi nudi e in pigiama: probabilmente stava cercando di fuggire dal rogo. Nella fabbrica si sarebbero trovate almeno una decina di persone. "L’incendio al momento è sotto controllo - spiega il portavoce dei Vigili del Fuoco -, stiamo spegnendo gli ultimi focolai e stiamo lavorando per rimuovere le macerie per accertare che non ci siano altre persone e le operazioni andranno avanti per tutto il pomeriggio". Il bilancio, come detto, è ancora temporaneo: "E' impossibile dire se ci siano altre persone, dobbiamo verificare". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    02 Dicembre 2013 - 14:02

    Ho ascoltato decine di dichiarazioni dei nostri politicanti che, saputo dell'incidente, hanno fatto a gara x mettersi in fila davanti a un microfono, in fondo apparire, politicamente, conta. Ora, se l'oggetto di cotanta vis retorica nn fosse una tragedia ci sarebbe da ridere fino alle lagrime. Dalla sig.ra Kienge in giù, da dx a sx le banalità e le frasi retoriche si sono sprecate. Ma cari politici, voi vi svegliate dal vostro ricco letargo solo davanti alle tragedie e solo allora scoprite l'esistenza di un "problema"? Come dice Epifani, la legge è uguale x tutti, ma evidentemente nn è così. E' forse una novità che i cinesi si chiudono in 30 in uno scantinato dove dormono, mangiano e lavorano come schiavi,anche perchè privi dei permessi richiesti? E' una novità che esista la mafia cinese? E mi volete far credere che a Prato, la rossa, nn certo una metropoli, dove ci sono più cinesi che italiani, nessuno sa cosa succede? Avete mandato in malora l'industria tessile, ecco cosa rimane!

    Report

    Rispondi

  • Lucifer

    02 Dicembre 2013 - 13:01

    Scommettiamo che stavolta tutti gli enti di controllo coinvolti a vario titolo (i caratteri disponibili non sono sufficienti per un elenco completo)POTEVANO NON SAPERE?

    Report

    Rispondi

  • massimo1954

    02 Dicembre 2013 - 12:12

    Non sono i cinesi che,hanno rovinato il mercato sono,gli ind.li che gli ha fatto comodo,dargli del lavoro da fare per,guadagnare anche di più.Possibile che nessuno sapeva nulla?Comune,Agenzia delle Entrate (per il lavoro in nero) sindacati che,vogliono mettere la voce in un qualsiasi argomento,Guardia di Finanza?Che,facciano subito controlli a tappeto perché di capannoni così a Prato e,in tutt'Italia,sono a migliaia.A me,mi è arrivata una multa perché, la superficie dell'appartamento su cui calcolare il costo della tassa dei rifiuti,era dichiarata di 6 mq inferiore al reale!Allora quando vogliono,i contratti li sanno fare.

    Report

    Rispondi

  • mab

    02 Dicembre 2013 - 12:12

    Altro schifo di questo paese dove si interviene ogni tanto per dare il contentino agli stupidi......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog