Cerca

Un congedo particolare

Bologna, l'università riconosce il matrimonio gey

Per l'ateneo non è la prima volta: accolte tre richieste negli ultimi anni

Bologna, l'università riconosce il matrimonio gey

L'università di Bologna ha concesso 15 giorni di congedo matrimoniale al dipendente che si è sposato all'estero col suo compagno. L'ateneo felsineo brucia i tempi (e aggira un impasse politico che in Italia non ha mai visto decollare neanche le unioni civili), riconoscendo, nei limiti delle sue facoltà, il matrimonio tra omosessuali. L’Ufficio del personale ha accolto la richiesta di congedo matrimoniale e riconosciuto 15 giorni di ferie pagate al dipendente gay, riservadogli il trattamento previsto dal contratto di lavoro a chi si sposa. Si tratta del terzo caso di questo tipo. Già negli anni scorsi una dipendente tecnico-amministrativo dell’Ateneo felsineo aveva richiesto e ottenuto lo stesso congedo dopo essere convolata a nozze, sempre oltre confine, con la propria fidanzata. Stessa identica storia per un ricercatore gay, assunto dall’Ateneo, che domandò e ottene il permesso previsto per chi parte in luna di miele.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • forart.it

    04 Dicembre 2013 - 11:11

    Da quando i congedi (diritto del lavoratore) si concedono o meno in base all'orientamento sessuale ?

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    03 Dicembre 2013 - 19:07

    Semplice buonsenso. Se scandalo ci deve essere è quello dei parlamentari le cui fidanzate sono parificate alle mogli cosa che ovviamente vale solo per loro.

    Report

    Rispondi

  • Fonzy

    03 Dicembre 2013 - 17:05

    ... il congedo retribuito per gravidanza gay?

    Report

    Rispondi

blog