Cerca

Calcio

Bambini allo stadio, Lucarelli: "Quelli della Juve sono piccoli buzzurri"

Bambini allo stadio, Lucarelli: "Quelli della Juve sono piccoli buzzurri"

Reclamizzata con quantità di melassa da far venire il diabete, l'iniziativa dei bambini in curva allo Juventus Stadium è finita in farsa, con la società bianconera multata di 5.000 euro perchè i suoi baby tifosi strillavano "Merda!" ogniqualvolta il portiere dell'Udinese rinviava il pallone dalla sua area. E giù critiche al giudice sportivo. poveri bambini qua, poveri bambini là, e peccato per la lodevole iniziativa....

La blogger Selvaggia Lucarelli, sul suo sito, dà invece una lettura meno conformistica agli eventi.

"La storia della Juve che si becca 5000 euro di multa per i 'Merda' urlati da bambini dai dodici anni in giù al portiere dell’Udinese è davvero pietosa. Non so se sono più schifata dai ragazzini, dai padri che li hanno tirati su, della Juventus che intende andare avanti con questa simpatica iniziativa o dai vari Malagò che minimizzano l’accaduto invitando a non perdere di vista il lato bello della faccenda. Non c’è proprio niente di bello e non è un fatto “increscioso”, come ha detto il club bianconero. E’ un fatto schifoso, che racconta un bel po’ di cose.

La prima è il come molti padri avvicinano al tifo i propri figli, in un’età in cui i padri sono un modello e gli eroi che i figli scimmiottano. Eroi troppo spesso ben poco eroici, ahimè. Padri che anzichè raccontare ai bambini il lato bello dello sport, la passione, le storie, il sacrificio e pure il tifo appassionato e sfegatato che fa tornare quei papà un po’ bambini e che alle volte è l’unico punto di contatto con i figli di quell’età, vomitano insulti. Insegnano che il tifo è merda urlato allo stadio e che la curva è il posto in cui i maschi fanno i maschi idioti ma non fanno le solite cretinate tipo la gara a chi piscia più lontano, fanno la gara a chi piscia di più in faccia all’avversario. Questa è la complicità che quei padri hanno con i propri figli.

La Juve e Malagò fanno male a sdrammatizzare. Se vogliono uno sport pulito, un calcio in cui non ci si aspetta fuori dallo stadio con le spranghe e non si invita il Vesuvio a eruttare o il negro a tornare nel suo paese, dovrebbero confidare nelle nuove generazioni, visto che le vecchie hanno già abbondantemente deluso. Altro che “ripeteremo l’esperienza”, “guardiamo il lato bello”. Questi piccoli buzzurri devono imparare che la violenza, anche quella verbale, con lo sport non c’entra niente. Che la parolaccia ti può scappare nel salotto di casa tua, ma che allo stadio si è persone civili. Bambini civili. Io domenica prossima questi piccoli buzzurri, li farei sì entrare allo stadio. Ma a fine partita. A raccogliere bottiglie, carta, mozziconi di sigarette e schifezze varie. I 5000 euro di multa sono acqua fresca. I merda urlati da bambini neanche adolescenti, sono acqua torbidissima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • barbanera

    05 Dicembre 2013 - 09:09

    della juventus,si fosse trattato di un'altra squadra,la multa sarebbe stata non di 5 mila euro ma di 50 mila euro.

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    04 Dicembre 2013 - 17:05

    Anche se dissento spesso dalla Lucarelli, opinionista di Libero. che discetta sul sesso e dintorni, questa volta ha ragione. IL comportamento di questi ragazzini avrebbe dovuto avere per conseguenza il loro riaccompagnamento fuori dallo stadio.

    Report

    Rispondi

blog