Cerca

Preside di Pordenone:

a scuola niente abiti firmati

Preside di Pordenone:
 Al bando i vestiti firmati. Una divisa uguale per tutti. È la proposta lanciata da Teresa Tassan Viol, dirigente della scuola media Centro storico di Pordenone, che ha trovato un “terreno favorevole” in Consiglio d’Istituto. È un percorso educativo, quello che ha in mente la dirigente, per far sì che questa sorta di nuovo vestito sia «un elemento che rinforza il legame scuola-alunno, oltre a creare ordine ed equità tra i ragazzi, troppo spesso orientati su modelli effimeri». La Centro storico, oltre 400 iscritti dei quali il 30 per cento di origini straniere, è considerata una scuola non facile, soprattutto in virtù dell’alta percentuale di stranieri, “anche se molti - ci tiene a precisare la preside - sono di seconda generazione”. “I rapporti tra compagni sempre più spesso sono incentrati sul vestito - sottolinea la dirigente scolastica - sulla griffe indossata. Ho letto dei temi nei quali il ragazzo che scriveva spiegava che i compagni lo prendevano in giro e lo mortificavano per come si veste, magari solo perchè non aveva i jeans uguali ai suoi compagni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasc

    16 Giugno 2009 - 14:02

    Mi sembra un'ottima idea, la mania della griffe è certamente una delle colonne portanti dell' idiozia dei giovani (e non solo)di oggi, ci sono famiglie di operai che guadagnano 1000 € e sono costretti magari a comprare delle scarpe fetenti per 200 € perchè se no il pargolo si sente "escluso"

    Report

    Rispondi

blog