Cerca

La provocatrice che ama il topless

La No-Tav che baciò il poliziotto denunciata per violenza sessuale

L'esposto dal sindacato delle divise blu Coisp: "Se fosse stato un agente a baciare una manifestante a caso sarebbe scoppiata una guerra"

8
La No-Tav che baciò il poliziotto denunciata per violenza sessuale

Il bacio della No-Tav al poliziotto finisce in Procura: l'accusa è di violenza sessuale e oltraggio a pubblico ufficiale. Nina De Chiffre, l'attivista che alla marcia in Val di Susa del 16 novembre si lanciò in effusioni simulate con un celerino per vendicare, a suo dire, le violenze subite da una "compagna", è stata denunciata dal sindacato delle divise blu Coisp. "Se fosse stato un poliziotto a baciare una manifestante a caso - ha spiegato il segretario generale Franco Maccari a la Zanzara - sarebbe scoppiata la terza guerra mondiale". Il bacio della militante No-Tav, che inizialmente fu interpretato come un gesto distensivo e pacifista, aveva in realtà un'intenzione provocatrice e denigratoria.E' la stessa De Chiffre a spiegarlo: per lei, come ha scritto su Facebook, i poliziotti "sono porci da appendere a testa in giù".

Lo sapevi che la bella Nina ama il topless? Guarda le foto

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    12 Dicembre 2013 - 22:10

    Invece una Ruby ti andava bene?

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    12 Dicembre 2013 - 19:07

    Mi viene da vomitare solo al pensiero.

    Report

    Rispondi

  • fearofthedark

    fearofthedark

    12 Dicembre 2013 - 19:07

    non è quel sindacato di polizia che disse che il sangue sotto la testa di aldrovrandi era un cuscino? e che manifestava contro la madre sotto l'ufficio dove lavorava?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media