Cerca

L'omicidio di Perugia

La Knox accusa la questura:
"Torturata psicologicamente"

Amanda non va al processo per l'assassinio della Kercher, ma manda una mail alla Corte: "Il loro fumo negli occhi vi accecherà"

Amanda Knox

Amanda Knox

"Non ho ucciso Meredith". Amanda Knox, accusata insieme a Raffaele Sollecito dell'omicidio di Meredith Kercher, ha scritto una lettera al presidente della Corte d'assise Alessandro Nencini che l'ha letta durante l'udienza del processo d'appello bis in corso a Firenze. "Non sono in tribunale - ha proseguito Amanda - perché  temo che la procura possa influenzare la Corte e oscurare la mia innocenza". E lancia il monito: "Il loro  fumo negli occhi vi accecherà" poi parlando delle accuse contro di lei spiega: "Un abuso maligno e oscuro"

La lettera - Parole giunte alla Corte in modo "irrituale", ha ricordato il presidente, Alessandro Nencini, che prima di leggerne il testo ha specificato che "non sono dichiarazioni spontanee" e che comunque "chi vuole parlare nei processi viene nei processi". Da una punto di vista formale la considerazione del giudice è ineccepibile, ma dal punto di vista umano ha davvero il sapore della beffa. La ragazza americana, infatti, non solo ha passato in galera quattro anni della sua giovane vita, ma ha già subito due gradi di giudizio e in uno di questi è stata dichiarata innocente e quindi assolta. 

Il ricordo - Anche con la lettera spedita a nuovi togati che si apprestano a giudicarla Amanda rivendica la sua innocenza e la sua estraneità al delitto che si consumò quella maledetta notte di Halloween a Perugia. Nella mail, scritta in italiano, Amanda parla della Kercher, che definisce "la mia amica", una ragazza che "mi era simpatica, mi aiutava, era generosa e divertente" e che "non mi ha mai dato neppure un'occhiataccia". Nel periodo in cui condivisero un appartamento, sostiene la Knox, "non abbiamo mai litigato". Ricordando la notte del suo arresto, la Knox ha accusato la questura: "Mi hanno detto che non avrei più visto la mia famiglia se non avessi ricordato cos'era successo. Ha aggiunto: "Una persona può essere portata a confessare falsamente perché torturata psicologicamente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    18 Dicembre 2013 - 17:05

    Stai tranquilla a casa. questi sono inaffidabili. Abbiamo fuori uno che con piccone ha ucciso 3 persone. Mangia tranquilla

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    18 Dicembre 2013 - 12:12

    Seeeeee, da bordelloland, visto che i parrucconi sono tutti da Napoli o Palermo o giù di lì e sentiteli come parlano quando leggono le sentenze, sembrano degli esimi analfabeti laureati in Albania come il trota; questi pensano più alla loro carriera e ai lauti emolumenti che al dovere. Per niente la giustizia non funziona ed è relegata agli ultimi posti della classifica mondiale. Tornando al processo, io sono convinto che l'unico responsabile sia il negro guede, reo confesso che si difende tirando in ballo complici fantasma che non ha mai visto se non di sfuggita e di cui non si sono trovate tracce. Vogliono avere dei capri espiatori a tutti i costi, di figuracce ne hanno fatte già tante, cosa volete che sia una in più per le loro facce da c..

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    18 Dicembre 2013 - 11:11

    non so se innocente o colpevole ma con la magistratura che abbiamo stia a casa.Un pensiero alla povera ragazza ammazzata senza un motivo.

    Report

    Rispondi

  • patrenius

    18 Dicembre 2013 - 08:08

    Ma scherziamo? Dopo quello che ha passato (colpevole o innocente che sia) visto che ha lo scudo invalicabile della cittadinanza USA, chi è quell'imbecille che tornerebbe a farsi un altro girone della Totogiustizia Italiana? Primo premio: Ergastolo. Se sei sfortunato, secondo premio assoluzione con anni di sofferenza e spese milionarie senza fine.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog