Cerca

Vademecum per i viaggiatori

Vacanze di Natale, occhio alle fregature: ecco come proteggersi

Sempre più donne e under 35 scelgono un'assicurazione prima di partire per l'estero per difendersi da imprevisti, ritardi, malattie e furto di bagagli

Vacanze di Natale, occhio alle fregature: ecco come proteggersi

Aumenta il ricorso alle assicurazioni per i viaggi: in un anno i contratti sono cresciuti dell’11%. Anche se il 40% degli italiani a Natale non partirà, per gli altri è comunque tempo di valigie e di affrontare tutti i rischi legati alla vacanza: dal furto del bagaglio all’annullamento del viaggio, dalla malattia improvvisa agli incidenti in terra straniera. Pericoli, questi, a cui gli italiani rispondono con la prudenza: secondo i dati di Facile.it i viaggiatori che tra novembre e dicembre hanno sottoscritto una polizza assicurativa a copertura di una vacanza sono cresciuti dell’11% rispetto allo scorso anno, dalle donne il 65% delle richieste. La fascia di età in cui si registra il maggior numero di sottoscrizioni è quella compresa tra 25 e 34 anni (33%), seguita da quella di chi ha tra 35 e 44 anni (28%). La copertura media dura 8 giorni e serve ad assicurare un viaggio intercontinentale, in primis per Stati Uniti, Canada e Caraibi. La maggior parte delle assicurazioni-viaggio sottoscritte punta a proteggere solo il contraente (nel 37% dei casi) o si estende anche al proprio compagno di viaggio (36%). Importante, però, è scegliere bene la polizza che fa per noi dato che non tutte le assicurazioni-viaggio sono uguali: alcune coprono nel caso in cui si sia costretti a rinunciare al viaggio, o in caso di annullamento o ritardo della partenza; altre provvedono a ripagare le eventuali spese sanitarie, che soprattutto in alcuni Paesi possono risultare molto costose; altre ancora, proteggono il proprio bagaglio da eventuale furto o smarrimento. Esistono, infine, pacchetti che includono tutte le garanzie, così come soluzioni ad hoc che proteggono il viaggiatore per tutto l’anno. In ultimo i costi: per aggiungere una copertura assicurativa al proprio viaggio si spendono dai 5 ai 12 euro al giorno, a seconda della polizza scelta, del massimale e delle garanzie richieste. 

Consigli per i viaggiatori - La Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) è utilissima per viaggiare in Europa in quanto copre le spese solo nel caso in cui si venga curati in una struttura pubblica. Nel caso in cui si venga però portati in cliniche private, la tessera non ha validità e le spese sono a carico del paziente. E' pertanto consigliabile, anche per i viaggi in Europa, stipulare un’assicurazione viaggio comprensiva di assistenza e spese mediche. E' possibile stipulare una polizza viaggio singolo, valida solamente per un solo viaggio oppure una polizza annuale che comprende tutti i viaggi effettuati nel corso dell’anno. Quest’ultima soluzione è senza dubbio la più economica nel caso in cui si preveda di effettuare più viaggi nell’arco di 12 mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog