Cerca

Pecunia non olet

Fatto quotidiano, la beffa sul sito: c'è la pubblicità di Forza Italia

Sul portale del quotidiano manettaro e anti-Cav compare il banner dei club azzurri. Quando il marketing è più forte dell'ideologia...

Fatto quotidiano, la beffa sul sito: c'è la pubblicità di Forza Italia

E' fin troppo facile sostenere che Pecunia non olet o, come fa qualcuno su Twitter, esclamare "Tutti duri&puri a parole, eh?". Spesso i meccanismi del marketing sono più forti dell'ideologia, anche di quella fieramente antiberlusconiana del Fatto quotidiano. E alla fine il risultato è una beffa atroce. Basta uno screenshot, decisamente ironico, per inquadrare la vicenda. Il giornalista napoletano Ciro Pellegrino pubblica sul proprio profilo Twitter questa foto:

 

La beffa - Sul sito del Fatto compare il banner pubblicitario dei Club Forza Italia, con tanto di "Forza Italia!" urlato e link per gli aspriranti attivisti berlusconiani. Miracoli degli spazi pubblicitari appaltati, in genere, da agenzie che con la testata non hanno nulla a che fare e che spesso non considerano nemmeno la linea editoriale. Di ferro, come quella di Marco Travaglio & Co.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • KARLOS-VE

    20 Dicembre 2013 - 14:02

    Tra i suoi lettori ci sono i piu feroci critici verso il pdl e compagni di merende, padrone compreso, figuriamoci quanto successo possa avere.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    20 Dicembre 2013 - 14:02

    maverick100,idiota,non mi vorrai dire quel pseudo giornalucolo,scritto da giornalai,non prende il ricavato dai banner pubblicitari?Se è sì,devi essere un coglione patentato.

    Report

    Rispondi

  • maverick100

    20 Dicembre 2013 - 13:01

    Meno male che l'articolo spiega bene che i banner sono a rotazione e non dipendono direttamente dal giornale.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    20 Dicembre 2013 - 13:01

    Il Fatto sostiene di essere un quotidiano indipendente, non ha mai sostenuto di non essere prezzolato. Anche i giornali tengono famiglia e al denaro nessuno chiede la carta d'identità.

    Report

    Rispondi

blog