Cerca

Appunto

I fuggitivi? Innocenti evasioni
Pagheranno gli altri detenuti,
non le toghe che hanno sbagliato

Facci: la legge che ha liberato Gagliano e il camorrista è tra le poche che funzionano, ammettiamolo. Ciò che non funziona, invece, è la magistratura

Filippo Facci

Facci visto da Vasinca

Invochiamo tanto il garantismo  e poi non abbiamo il coraggio di ammettere che la legge Gozzini, quella che ha liberato gli «evasi» Gagliano ed Esposito, in realtà funziona, anzi, è una delle poche leggi che rispetta l’articolo 27 della Costituzione sulla rieducazione del condannato. A fuggire, infatti, è meno dell’1 per cento dei detenuti che ottiene un permesso premio: per uno che scappa ce ne sono migliaia che si comportano bene e che rientrano dai permessi e dalla semilibertà e dal lavoro esterno. E purtroppo ce ne sono altrettanti, in questo momento, che tremano al pensiero che un paio di fughe natalizie gli mandino a monte i permessi che magari attendono da tempo, e per i quali hanno implorato per anni un giudice di sorveglianza. Dopodiché un giudice di sorveglianza non è un usciere, non è «costretto» dalla legge a liberare questo o quello: è il responsabile della buona o cattiva applicazione della legge. Può sbagliare, o essere sfortunato: ma gli errori si pagano e dovrebbe pagarli lui - anche se è un intoccabile magistrato - e non dovrebbero pagarli le 20mila persone che ogni anno tentano un reinserimento a condizione della loro buona condotta, e che rappresentano - statistiche alla mano - il miglior modo di ripulire le strade dalla delinquenza. L’alternativa è la galera a vita, alias gettare l’articolo 27 alle ortiche. Se volete questo, basta dirlo. Per il resto, i due evasi sono tornati al loro posto. Ma chi li ha liberati, ci è restato.

di Filippo Facci
@FilippoFacci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    21 Dicembre 2013 - 15:03

    Lasci perdere. Qualunque spiegazione sarebbe incomprensibile per lei. Torni serenamene all'osteria

    Report

    Rispondi

  • ingenuo39

    21 Dicembre 2013 - 15:03

    La domanda sorge spontanea: come si puo tenere cattiva condotta in carcere? Uno non si lava i calzini,canta da stonato in cella? Credo semplicemente che un condannato sconti la pena imparando qualcosa e alla fine venga liberato se si ritiene potersi inserire nella società.Scusate la mia ingenuità.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    21 Dicembre 2013 - 11:11

    La stessa magistratura che nega a Cuffaro di dedicarsi al servizio sociale è la stessa che mette con leggerezza in libertà serial killer e assassini di camorra? Ora, che Cuffaro rimanga pure dietro le sbarre, ma qualcuno vuole fare, per cortesia, luce sulla totale discrezionalità e, ripeto, leggerezza, con cui i togati prendono determinate decisioni?

    Report

    Rispondi

  • Montagner

    21 Dicembre 2013 - 11:11

    Sono in accordo con il pezzo. Vorrei però sapere perchè a certi personaggi, direttore del carcere e giudice, non siano applicati quei comportamenti (verranno probabilmente solo trasferiti)che in una struttura privata (azienda) sono la prassi: se non sei capace di fare il tuo lavoro, con professionalità, sei licenziato.

    Report

    Rispondi

blog