Cerca

Bergoglio non fa il miracolo

Il Papa dà 1.000 euro al povero, le Poste li bloccano

Sul lastrico per colpa del racket riceve un assegno dal Pontefice ma non può incassarlo. Francesco costretto a inviargli un vaglia

Il Papa dà 1.000 euro al povero, le Poste li bloccano

Quando Bennardo (sì, il nome è proprio questo) Raimondi si è presentato in Posta per riscuotere quell’assegno da mille euro caduto dall’alto, ha capito che le emozioni e le sorprese di questo incredibile Natale non erano ancora finite. Anzi. Dall’altro lato dello sportello lo hanno guardato con un sorriso imbarazzato, hanno scosso la testa e - no, mi spiace tanto - gli hanno spiegato che non avrebbero potuto scambiare il pezzo di carta con soldi. Nè lì, nè altrove. E quando, allora, Bennardo ha provato timidamente - hem hem, forse non sapete che l’assegno proviene da... - a spiegare che la firma era speciale e che, come dire, quei soldi erano arrivati quasi per miracolo, gli hanno ribadito seccamente il no. Niente storie. Non può essere riscosso. Punto. «E non cambierebbe nulla anche se a emetterlo fosse stato il Papa...». Ops, il Papa. Ecco, è andata proprio così e benvenuti  in una tipica storia all’italiana. 

Bennardo è stato per 35 anni un artigiano ceramista e presepista a Palermo, ma nel 2003 ha perso tutto: casa, negozio e otto dipendenti (che ha dovuto licenziare). Vittima di usura ed estorsione, ha deciso di ribellarsi. Ha sporto denuncia. Ed è iniziato il vero calvario: ha ricevuto una decina di intimidazioni e minacce di morte e non ha più trovato lavoro, è stato isolato e, come ripete lui ogni volta, «abbandonato dallo Stato». Bennardo, che ha un figlio di 10  anni con gravi problemi di malformazione (una volta ha minacciato di vendere un rene pur di recuperare soldi per aiutarlo), quattro anni fa ha tentato il suicidio e ora vive di elemosina. 

La moglie Antonina Meli, disperata, a novembre ha preso carta e penna e si è messa a scrivere. Una lunga lettera di dolore, una richiesta d’aiuto con un destinatario speciale: Papa Francesco. Proprio lui. Un gesto forte, sicuramente di sfida, forse di rassegnazione. Lo scorso 4 dicembre, dal postino, la grande sorpresa: una busta arrivata dal Vaticano con dentro un assegno di 1000 euro. Bennardo e Antonina si sono abbracciati, hanno pianto, hanno pensato che questo sarebbe stato un Natale differente e che a volte l’Italia è capace di regalare ciò che non ti aspetti. Già, ciò che non ti aspetti. Quando i due sono andati in Posta per incassare la cifra, purtroppo,  ne hanno avuto la conferma: niente soldi, la burocrazia è di traverso. Impossibile riscuotere i mille euro ed ecco spiegato il perché. Primo, l’assegno può essere versato in un conto corrente, che però Bennardo e Antonella non hanno. Secondo, per incassarlo si dovrebbe andare a Roma, alla filiale che lo ha emesso. Terzo, non è nemmeno possibile girarlo, perché il titolo non è trasferibile. Una beffa, ma Bennardo non si arrende. «La situazione è assurda e paradossale. Questi soldi ci servono, non abbiamo nessun altro aiuto. Ci siamo rivolti nuovamente al Vaticano e ora aspettiamo un vaglia postale. Speriamo in tempi rapidi, perché il momento per me e la mia famiglia è difficilissimo». Il vaglia arriverà. E che questo sia davvero un Buon Natale, Bennardo.

di Alessandro Dell'Orto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Zizzigo

    23 Dicembre 2013 - 11:11

    ma è fuggito dal nostro paese. E l'unico antibiotico, che è rimasto, è circondato e sotto scacco.

    Report

    Rispondi

  • cavicchi

    22 Dicembre 2013 - 18:06

    perchè non si riportano a casa gli immigrati e gli facciamo capire che servono al loro paese per migliorare il futuro loro e dei loro figli, e tutti quei soldi che ora si spendono lo stato li dia ai nostri poveri e ai ns. disoccupati, abbandonati e dimenticati.

    Report

    Rispondi

  • dx

    22 Dicembre 2013 - 16:04

    dovrebbe interessarsi del raket e informarsi bene dove è venuto a vivere. ma forse lo sa benissimo e l'ennesima messa in scena, diventa ridicolmente palese perchè il poveraccio, tra meno di un mese, sarà al punto di prima. cosa ha risolto? - di aver conquistato le pagine dei giornali con pubblicità gratuita e niente di più. tutto ciò, continua a non piacermi. qualcuno disse: fate l'elemosina e non sappia la mano sinistra quel che fa la destra. // e lasciamo perdere la burocrazia italiana che forse quella d'un villaggio africano immerso nella savana, va più spedita.

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    22 Dicembre 2013 - 15:03

    e le persone che lo rappresentano sarebbe da fucilare , anche il giorno di natale, sarebbe un bel regalo, vi sono trppi che non hanno un conto corrente bancario specie al sud. non è ne furbizia, nè avariziaè è mancanza di fiducia.. è più facile fidarsi dei sepenti a sonagli che dello stato e delle banche...... ahhhh se avesse avuto il conto arancio cheè l'anticamera del rosso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog