Cerca

L'inchiesta

Parolisi, nei guai anche per gli abusi sulle soldatesse

Il caporalmaggiore condannato a 30 anni per l'omicidio della moglie finisce nelle indagini sulle violenze in caserma

Salvatore Parolisi

Salvatore Parolisi

Nuovi guai per Salvatore Parolisi. Secondo la Procura militare di Roma, il caporal maggiore condannato a 30 anni per l'omicidio della moglie Melania Rea, ha commesso un altro reato. Violata consegna aggravata e continuata perché avrebbe trasgredito agli obblighi disciplinari che impediscono a un sergente di giornata di incontrare le allieve, soprattutto dopo il suono del silenzio, quando il militare "deve accertarsi che tutte le porte dei locali siano chiuse e durante l'arco del servizio vigila sul contegno dei militari in reparto". 

Caserma boccaccesca  Queste le conslusioni a cui è giunto il pm Antonella Masala dopo aver indagato su alcuni fatti emersi dagli atti dell'omicidio di Melania Rea. La notizia è riportata dal Corriere della Sera. Parolisi ed altri caporali avrebbero quindi infranto le regole della disciplina e del rigore di caserma. Dagli atti emerge uno spaccato a dir poco licenzioso. Tra le carte c'è il racconto della soldatessa Enza: "Un giorno il caporal maggiore mi ha chiamato chiedendomi cosa gli potevo dare per sapere la mia destinazione. Dissi "nulla", aspetto altri due giorni". Ma secondo il racconto della ragazza il militare le avrebbe risposto: "Devi offrire te stessa a me e poi agli altri istruttori. Mi devi dire se sei vergine o meno perché se lo sei devo prendere delle precauzioni, se non lo sei devo prenderne altre tipo frustini".  Scrive la procura: "Il caporal maggiore dopo il contrappello riceveva alcune allieve con cui si intratteneva per bere e scambiarsi effusioni...G. M.  dopo la mezzanotte contattava via sms l'allieva Simona intitandola a raggiungerlo in ufficio per un chiacchierare e avere un rapporto sessuale..". Insomma nella caserma di Ascoli accadevano cose non prorpio in linea con l'ordine militare. In tutto gli indagati sono dodici. Nell'inchiesta c'è anche un capitolo "violenza contro inferiori, minacce e ingiurie", dove un caporalmaggiore, G.M.  aveva adottato un suo personale sistema di addestramento. Parolacce, offese, parole sconce...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brontolo1

    05 Gennaio 2014 - 14:02

    meglio supposta che buco del cxxo!

    Report

    Rispondi

  • mab

    05 Gennaio 2014 - 13:01

    Chi a fatto il militare lo sa bene, gente malata di mente che si nascondeva dentro una divisa, potrei raccontarne tante di storie. Poi c'è anche chi è onesto e fa il proprio dovere, ma dovrebbero essere i più alti in grado a vigilare ed espellere le menti malate.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    05 Gennaio 2014 - 12:12

    Solo due eserciti al mondo possono permettersi il lusso di far convivere militare di ambo i sessi limitando le problematiche relative. L'esercito degli Stati Uniti e quello israeliano. Gli altri, chi più chi meno, ha avuto molti problemi. Noi, che tra l'altro siamo anche dei poveracci incapaci anche solo di "copiare" dalle altrui legislazioni e "imparare" dagli altrui errori, abbiamo creato la solita genialata italica che non è ne carne ne pesce. Però, cari giornalisti, fate attenzione, rinunciate alla vostra tentazione di fare di tutta un erba un fascio, altrimenti sembra che tutte le donne (migliaia) che sono entrate nelle forze armate siano solo una manica di mignotte. Un poco di serietà!

    Report

    Rispondi

  • giovannipiacentino

    05 Gennaio 2014 - 12:12

    come distruggere il servizio militare femminile in 24 ore. ora qualsiasi soldatessa sarà , ingiustamente , considerata una escort.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog