Cerca

Tribunale di Rimini

Accusata di rapina
escort mostra l'estratto conto:
in banca ha 800 mila euro

La donna si difende davanti al giudice sostenendo che non aveva bisogno di derubare il cliente. Ora però rischia di essere indagata dalla Guardia di Finanza per evasione fiscale

Accusata di rapina
escort mostra l'estratto conto:
in banca ha 800 mila euro

Quando, durante l'udienza che la vedeva imputata per rapina aggravata, ha tirato fuori il saldo del suo conto corrente e il giudice ha letto la cifra in aula c'è stato un "oh" di stupore. Sì perchè 800 mila euro sono una bella cifra anche se di mestiere si fa la escort. La ragazza, una ungherese, ha spiattellato al mondo la sua ricchezza per dimostrare di non avere la necessità di rapinare il cliente di turno di 100 euro.  Una somma irrisoria, secondo lei, che però l'ha fatta arrestare dai carabinieri, insieme al compagno, e condannare  insieme al suo ragazzo ad un anno e sei mesi. 

La rapina al cliente - La vicenda la racconta il Fatto Quotidiano. Era  il 29 marzo del 2011: quella sera la ragazza aveva ricevuto il cliente, un giovane riminese e per la prestazione aveva chiesto 500 euro. Una cifra troppo alta per il giovane che aveva rilanciato al ribasso. La trattativa si era protratta per un po’ fino a quando il ragazzo aveva deciso di rinunciare, la prostituta arrabbiata per la perdita di tempo aveva comunque chiesto il pagamento di 100 euro per l’ora di trattativa. Quando lui si era rifiutato di pagare, da una stanza era uscito un uomo, napoletano di 35 anni che si era presentato come il fidanzato. Alle strette il cliente spaventato aveva pagato, se n’era andato e poi aveva chiamato i carabinieri. I militari, giunti sul posto, avevano arrestato la coppia con l’accusa di rapina aggravata. 

Rischia un'inchiesta della Finanza - Nel corso dell’udienza, l’escort, nel tentativo di sostenere la linea difensiva e cioè che il riminese si era inventato quella rapina perché innamorato di lei e respinto nelle sue avances, ha presentato ai giudici un estratto conto frutto del suo lavoro con un saldo da 800mila euro. Estratto conto che il pm Paolo Gengarelli, ha deciso di inviare alla Guardia di Finanza. La donna quindi ora rischia la verifica delle Fiamme Gialle. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • locatelli

    04 Marzo 2014 - 07:07

    se sarebbe successo a me avrei offerto da bere al babbo

    Report

    Rispondi

  • fossog

    08 Gennaio 2014 - 16:04

    solo il fisco, le becere leggi italiane, la stupida ignorante politica italiana, possono essere così ipocriti e deficenti. Regolarizziamo questa attività, invece, perchè di attività si tratta ed anche della più antica al mondo, facente parte della cultura e della costruzione umana, non facciamo gli ipocriti marci dentro e ripuliti fuori alla miserabile maniera dei cattolici.

    Report

    Rispondi

  • ortensia

    08 Gennaio 2014 - 14:02

    Avrebbe potuto stupire mostrando la sua " schedina" grazie alla quale il suo conto e' cosi' pingue.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    08 Gennaio 2014 - 11:11

    Sono sempre dove c'è da guadagnare senza far fatica. I napoletani, intendo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog