Cerca

Ricostruzione post-sisma

Tangenti e appalti truccati
nel dopo terremoto de L'Aquila
Si dimette il vice sindaco

Nell'inchiesta sono finiti funzionari del Comune e imprenditori che hanno versato mazzette per aggiudicarsi di alcuni lavori per la messa in sicurezza degli edifici

Tangenti e appalti truccati 
nel dopo terremoto de L'Aquila
Si dimette il vice sindaco

"Mi tiro da parte come ruolo di  vice sindaco e assessore perchè vorrei lasciare tranquilla   l'amministrazione comunale, il sindaco e la Giunta senza avere dubbi  sulla propria attività". Così il vice sindaco dell’Aquila Roberto Riga, indagato nelll'inchiesta della procura su tangenti e appalti nel  post-terremoto, annuncia le sue dimissioni dalla giunta di centrosinistra intervenendo nel corso di una conferenza stampa,  insieme agli altri componenti dell’esecutivo comunale. Da parte sua il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente ha detto: "Non ho ancora  pensato alla sostituzione, ma in questo momento non ci possiamo permettere di avere nemmeno un’ombra". Intanto è stata anche annunciata la sospensione del dirigente indagato Mario Di Gregorio insieme ad altre persone, funzionari, imprenditori, faccendieri e tecnici del Comune dell'Aquila.

 "Gli indagati hanno dimostrato di non essere soltanto cedevoli a 'tangenti' per bramosia di denaro 'una tantum'. Essi hanno rilevato una dedizione costante ad attività predatorire in danno della collettività, arrivando a suggerire i metodi corruttivi, a costruire società ad hoc, a rappresentare realtà fittizie, anche in momenti (il post sisma) in cui il dramma sociale e umano avrebbe suggerito onestà e trasparenza", scrivono i pm nell’ordinanza di custodia cautelare relativa all’inchiesta denominata 'do ut des' che ha portato alla luce un giro di dazioni in cambio di appalti per il post terremoto.  In particolare le persone finite agli arresti domiciliari (Pierluigi Tancredi, Daniela Sibilla, Vladimiro Placidi e Pasqualino Macera) e gli altri indagati avrebbero favorito con una serie di atti illeciti la Steda Spa, di cui è amministratore unico e legale rappresentante Daniele Lago, di Bassano del Grappa, anch’egli indagato. L’ordinanza ricostruisce minuziosamente come avveniva il passaggio di denaro per ottenere gli appalti, le percentuali percepite per ogni lavoro preso, come venivano contraffate le carte. Tancredi sarebbe stato il 'deus ex machina', insieme a Daniela Sibilla, sua stretta collaboratrice da anni. Macera, stando sempre all’accusa, sarebbe riuscito a farsi consegnare dall’imprenditore 60 mila euro "con il pretesto di dover comprare il favore del prof. Bernardo De Bernardinis, all’epoca dei fatti vice capo del Dipartimento della protezione civile e vice commissario delegato per l’emergenza sismica del 6 aprile 2009". Ovviamente era millantato credito. Il denaro sarebbe servito "al fine di risolvere positivamente la sospensione con riserve tecniche dell’offerta di gara della Steda Spa nell’ambito della procedura di gara per l’aggiudicazione di fornitura, trasporto e posa in opera di moduli abitativi provvisori in legno, gara a cui la Steda partecipava in Ati con altre imprese, tra cui la Mercatone Uno Service Spa di cui Macera era rappresentante per l’Abruzzo". 

"In particolare, su indicazione e consiglio di Tancredi, costantemente coadiuvato da Sibilla, Lago prometteva a Tancredi, Sibilla e Macera il pagamento di somme di denaro indicate nel contratto stipulato in data 18 dicembre 2009 tra la Steda Spa e la DA.MA Consulting srl, società creata appositamente il 22 ottobre 2009 al fine di giustificare formalmente i versamenti di denaro dalla Steda Spa". Le somme promesse erano pari a 7.200 euro mensili per una durata di 12 mesi, oltre a percentuali su ogni singolo lavoro procurato, variabili in relazione all’importo dei lavori. "Di tali some venivano effettivamente erogate sei mensilità per un totale di 43.200 euro". Inoltre, a saldo della pattuizione originaria, Lago consegnava a Tancredi cinque moduli abitativi provvisori del valore economico di mercato variabile di 40 mila euro ciascuno; in almeno un’occasione 10 mila euro contanti". Lo stesso imprenditore "consegnava individualmente a Sibilla 12 mila euro a mezzo di assegni bancari". In particolare - si legge ancora nell’ordinanza - "Tancredi, coadiuvato da Sibilla e Macera, in corrispettivo della illecita promessa e delle dazioni compiva atti contrari al proprio ufficio, consistenti nel garantire a Lago l’indicazione della Steda Spa quale impresa da inserire nei lavori di puntellamento e messa in sicurezza di edifici danneggiati, abusando della propria qualifica e in interferenza rispetto alle valutazioni e determinazioni del responsabile dell’ufficio ricostruzione del Comune dell’Aquila". 

Stando sempre ai capi di imputazione il vice sindaco Roberto Riga avrebbe accettato 30 mila euro, sempre per il tramite di Tancredi, affinchè interferisse per garantire all’imprenditore l’acquisizione dei lavori di messa in sicurezza dell’immobile facente parte del consorzio Alto.Ma.C. Dell’Aquila. "Nell’ambito di tale promessa Lago consegnava a Riga, per il tramite di Tancredi, la somma anticipata di 10 mila euro. In seguito, comunque, i lavori non venivano affidati alla Steda ma ad altra impresa". Per quanto riguarda i puntellamenti di palazzo Carli, sede del rettorato, ad adoperarsi nei confronti della Steda sarebbe stato Vladimiro Placidi, all’epoca assessore alla ricostruzione dei beni culturali del Comune. "Lago prometteva a Placidi la somma di complessiva di 87.600 euro iva compresa mediante la stipula di un contratto con la Pro.ges, srl", dello stesso Placidi, "avente per oggetto fittizie prestazioni di consulenza e servizi, appositamente stipulato per giustificare il passaggio di denaro. Nell’ambito di tale accordo il 15 febbraio 2010 Lago versava la somma di 24 mila euro quale compenso, con la fittizia giustificazione del pagamento di un progetto di ingegneria apparentemente realizzato dalla Pro.ges. Srl ma in realtà realizzato da dipendenti della stessa Steda. I rimanenti 53 mila euro più iva costituivano la promessa di pagamento per ulteriori acquisizioni di lavori di messa in sicurezza che Placidi accettava di procurare alla Steda successivamente, come da contratto con Pro.ges.". Secondo quanto accertato dagli inquirenti per i "favori" resi all’imprenditore c'era un tariffario. Nata la DA.MA. Consulting, come riferito da Daniele Lago, il tariffario prevedeva un fisso mensile di 7.200 euro, un compenso del 7% per lavori fino a mezzo milione di euro, un compenso del 3% per lavori ricompresi fra cinque e dieci milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog