Cerca

Le "certezze" di Via Solferino

Caselle Torinese, per il Corriere della Sera il colpevole era il figlio

Maurizio Allione e Milena

Maurizio Allione e Milena

Non è stato il figlio. No, l'omicida di Caselle Torinese è il compagno dell'ex domestica della famiglia sterminata. Maurizio Allione, 28 anni, il super-sospettato, non c'entrava nulla. Inutile negare che in molti avessero pensato che dietro quelle tre morti ci fosse proprio lui, sotto torchio per due volte negli ultimi giorni, il colpevole quasi perfetto. Però tra sospetto e certezza c'è un oceano di mezzo. Un oceano che il Corriere della Sera s'è bevuto tutto di un fiato, trasformando il sospetto in una sostanziale certezza. L'operazione è stata portata a termine in un lungo articolo, un "colloquio" con il giovane Maurizio, in cui si indugiava sulla mano destra che "trema in modo vistoso, lo stato di agitazione è evidente, dagli occhi accerchiati di rosso, dal gesticolare nervoso".

L'altro lato della luna - "A ogni frase che pronuncia la mano tormenta il lobo di un orecchio, con un gesto ripetuto del quale non ha consapevolezza". Si parla di lui e di lei, la fidanzatina Milena, due che "a vederli da vicino (...) sembrano invece due ragazzi spaventati e fragili". "Invece" rispetto a cosa, vien da chiedersi. "Lei voleva fare la giornalista, ha studiato alla scuola della curia torinese, lui suona la batteria in gruppo hardcore punk, e quando qualcuno gli nomina Henry Rollins e Bad Religion, numi tutelari del genere, si lascia andare a quel sorriso di riconoscenza. E poi viene da pensare che questo è solo un lato della luna, ci sono i sospetti, le indagini che convergono, gli alibi che forse non tengono, le mezze frasi degli inquirenti che suggeriscono come le altre piste, insomma, meglio lasciarle perdere". Insomma, sull'"altro lato della luna" la sentenza è scritta a caratteri cubitali: colpevole, Maurizio ha trucidato madre, padre e nonna.

Il tributo d'attesa - Le certezze del Corsera vengono poi riconfermate in un ultimo, tostissimo, paragrafo. "Massimo e Milena stavano passeggiando e l'occhio è caduto proprio su quel dettaglio". Si parla delle tazzine di caffè, parte della refurtiva, ritrovate dal figlio in un fosso. "E d'accordo, il caso ci può anche stare, ma alzi la mano chi non ha pensato allo zio Michele di Avetrana che mentre lavora in un campo grande due ettari si imbatte, guarda un po', nel cellulare di Sarah Scazzi". Il Corsera, sicuro, quella mano l'ha alzata. "E così il lento pomeriggio davanti alla caserma con curiosi e giornalisti a scrutare oltre le inferriate, a chiedere lumi non su cosa sta accadendo, ma su quando accadrà, sembra a tutti una conseguenza, un tributo d'attesa da pagare a un finale in apparenza annunciato, quasi ineluttabile". Il finale ineluttabile è la colpevolezza di Maurizio. Resta solo da chiedersi "quando accadrà". La risposta: mai. Ma il Corriere della Sera era certo che così sarebbe stato: l'unico ineluttabile finale che si è presentato, invece, è la clamorosa topica di via Solferino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • corto lirazza

    09 Gennaio 2014 - 09:09

    concetto inoppugnabile e anche perfetaamente espresso. Congratulazioni

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    08 Gennaio 2014 - 22:10

    "trema in modo vistoso, lo stato di agitazione è evidente, dagli occhi accerchiati di rosso, dal gesticolare nervoso". Gli occhi "accerchiati" di rosso, certo. Loro hanno l'italiano "accerchiato" di ignoranza, pare.

    Report

    Rispondi

  • primus

    08 Gennaio 2014 - 20:08

    Fortunatamente questo ragazzo riuscirà a cavarsela, ma quei giornalisti cialtroni che avevano già risolto il caso trovando in questo ragazzo il colpevole del triplice omicidio solo perché venuti a conoscenza di qualche sua debolezza, cosa pagheranno per le stronzate diffamatorie scritte nei giornali.

    Report

    Rispondi

  • Peo

    08 Gennaio 2014 - 19:07

    Non vado d'accordo coi miei genitori anziani e benestanti. Vivo da solo campando modestamente del mio lavoro. Il marito della loro badante straniera - mentre lei è a far compere - entra in casa per rubare e scoperto li uccide. Io sono qui in poltrona da solo a leggere un libro. I connazionali dell'assassino lo scagionano dicendo che era con loro. Io alibi non ne ho. Ecco, vi ho appena scritto in quattro righe come si può prendere CON ASSOLUTA CERTEZZA l'ergastolo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog