Cerca

Delitto di Perugia

Amanda Knox: "Voglio incontrare i genitori di Mez"

Schiaffo di Amanda. Risponde il legale della famiglia: "Fatti vedere in aula"

Amanda Knox: "Voglio incontrare i genitori di Mez"
Amanda Knox vuole incontrare i genitori di Meredith Kercher. La studentessa statunitense, imputata per l'omicidio della coinquilina, desidera raccontare la sua versione dei fatti ai familiari della ragazza inglese. Dopo quattro anni di carcere e l'annullazione della sentenza che ha temporaneamente sospeso la sua condanna, Amanda continua a ribadire la sua innocenza. In un'intervista rilasciata al quotidiano Repubblica, ha dichiarato: "Voglio dirglielo direttamente che io non c'entro con la morte di Meredith, che le volevo bene e che eravamo amiche". La Knox ha spiegato di aver già provato ad avvicinarli in passato: "Quando li ho visti in aula al processo di Perugia volevo salutarli e ho chiesto ai miei avvocati se poteva farlo. L'avvocato Carlo Della Vedova ha provato ad avvicinarsi a loro ma i loro legali lo hanno respinto".
  
Il processo - Dalla notte del 31 dicembre 2007,data dell'assassinio di Mez, i suoi genitori non hanno mai smesso di chiedere giustizia e attendono l'esito definitivo del processo che ormai si avvia alle battute finali. Amanda, dal canto suo, fa sapere di non essere intenzionata a rientrare in Italia per la sentenza d'appello e ha annunciato che resterà a Seattle anche in caso di condanna: "La decisione di non partecipare al processo è stata una scelta sofferta perché in realtà avrei voluto venire in Italia ed essere presente in aula - poi continua - in Italia però sono stata arrestata e messa in prigione per quattro lunghi anni non sulla base di prove ma di supposizioni".  La replica dell'avvocato Francesco Maresca, legale della famiglia Kercher, non si è fatto attendere: "Amanda Knox deve fare l'imputata e questo è il momento per fare l'imputata e si fermi nelle sue dichiarazioni". A proposito del suo rapporto con Raffaele Sollecito, infine, ha rivelato di averlo sentito più ottimista di lei sulla possibilità che il nuovo processo sancisca definitivamente la loro innocenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cecco61

    10 Gennaio 2014 - 09:09

    Come ha fatto notare qualcuno, perché non si ascolta Guedé? Semplice, perché anche gli inquirenti sanno che non ha nulla da dire e che, nel tentativo di inguaiare pure la Knox e Sollecito, finirebbero col fare un autogol. Meglio soprassedere e proseguirew con le loro morbose fantasie per continuare a far parlare di sé, finire sui giornali dando, a questi ultimi, la possibilità di continuare a scrivere titoloni e articoli inutili che, anziché fare chiarezza, continuano a far fare brutte figure all'Italia intera. Il discorso è semplice: di prove a loro carico non ce ne sono. Punto. Alla faccia di chi, anche tra questi commenti, li vuole colpevoli a priori e a prescindere.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    09 Gennaio 2014 - 19:07

    Cercate di farlo capire voi a un'americano generico medio che una persona sottoposta a processo ed assolta deve tornare a farsi processare perchè il sudetto processo era una buffonata cialtronesca all'italiana! Abbiamo colto un'altra opportunità per coprirci di ridicolo in due continenti. Complimenti alla magistratura.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    09 Gennaio 2014 - 17:05

    oltre che strega…come l'ha definita la Buongiorno, mi sembra anche molto furba. Adesso vorrebbe incontrare i genitori della ragazza che ha ucciso. Strategia che potrebbe intenerire i giudici che la stanno condannando in secondo grado. Furbata che però secondo noi non attaccherà.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    09 Gennaio 2014 - 16:04

    dopo una buffonata di processo che gli stessi giudici hanno riconosciuto essere stato una buffonata, solo uno scemo tornerebbe in questo paese di idioti e di selvaggi per farsi giudicare DI NUOVO. io NON tornerei di certo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog