Cerca

La protesta

Aquila, direttore di Confcommercio si barrica nel bagno della filiale di Bankitalia

Cioni ha anche annunciato sciopero fame contro il sistema. "Ho con me della benzina. Non ho paura di andare in prigione"

Aquila, direttore di Confcommercio si barrica nel bagno della filiale di Bankitalia

Barricato nel bagno della sede di Bankitalia. Una protesta contro l’abbandono delle istituzioni che non proteggono i cittadini soprattutto nelle zone più in difficoltà. Il direttore di Confcommercio L’Aquila, Celso Cioni, si è barricato nella filiale di Bankitalia per lanciare "un grido di dolore dei piccoli commercianti di questa martoriata città". Annuncia l’inizio dello sciopero della fame e della sete. "Se saranno forzate le porte del bagno dove sono barricato ho benzina e accendino". Cioni è determinato nella sua protesta e  minaccia di darsi fuoco se il governo non rivedrà "le condizioni del sistema bancario, almeno nei paesi del cratere e della città che è ancora militarizzata", come è scritto in una mail.

"Brucio tutto" - Poi la minaccia: "Se verranno forzate le porte del bagno dove sono barricato, ho con me benzina e accendino - avvisa Cioni - Lo faccio per lanciare il grido di dolore dei piccoli commercianti di questa martoriata città, costretti dal terremoto a lasciare i propri negozi senza ottenere alcun sostegno e, facendo debiti, si sono ricollocati alla meglio e sono disperati e con le banche che li tengono quotidianamente sotto pressione". E ancora: "Molti commercianti - scrive Cioni - sono esasperati e ricorrono a medici e psicologi o a psicofarmaci per sostenere questo stato di cose di cui non hanno colpe. Come sapete ci sono casi di suicidi. Per questo inizio sciopero della fame e della sete e domando se qui possono applicarsi le stesse regole di luoghi dove non è successo nulla. Basta con questa situazione che non meritiamo", conclude Cioni. Dopo alcune ore, il direttore di Confcommercio ha incontrato il prefetto e ha interrotto la protesta.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FabioSPIacono

    14 Gennaio 2014 - 11:11

    L'abdicazione della Politica e dell'Economia elegge sul trono europeo la preoccupazione costante del "pareggio di bilancio" ed il sistema viziato Banca Centrale Europea-Banche nazionali-Istituti di credito nazionali, regionali + circuito primario e secondario finanziario risulta frutto della sinarchia universale, cioè il proposito di un nuovo ordine mondiale che in maniera più o meno indolore cancelli storia, cultura ed arte, piani differenziati e differenzianti di regioni, nazioni e continenti. La cassa di risonanza sociale trasmette così una vasta eco psicologica dagli effetti spesso devastanti sugli equilibri familiari. Fabio S. P. Iacono

    Report

    Rispondi

  • allianz

    13 Gennaio 2014 - 15:03

    Che non l'abbia fatto....-1

    Report

    Rispondi

  • fabiou

    13 Gennaio 2014 - 15:03

    grande, basta suicidarsi. i politici infami se ne fregano delle nostre morti .

    Report

    Rispondi

  • RaidenB

    13 Gennaio 2014 - 14:02

    Se davvero non ha paura di andare in prigione, dia fuoco ad uno dei responsabili di questa situazione drammatica in Italia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog