Cerca

In puglia

Scambio di bebè all'ospedale:
partorisce una bambina
ma le danno un maschietto

Clamoroso errore dei medici a Galatina, in provincia di Lecce. Per lo stress, la madre ha perso il latte

Scambio di bebè all'ospedale:
partorisce una bambina
ma le danno un maschietto

Ha partorito una bimba ma quando dopo essere stata dimessa ha cambiato per la prima volta a casa il pannetto alla piccola, si è accorta che le avevano dato un maschio. I genitori della neonata hanno quindi contattato subito l'ospedale dove, in poco tempo, l'equivoco è stato risolto e la bimba, che nel frattempo era finita tra le braccia dell'altra puerpera madre del maschietto, è ritornata alle cure dei legittimi genitori. Lo scambio di bebè è avvenuto all'ospedale S. Caterina Novella di Galatina, in provincia di Lecce e ha avuto per vittima una mamma di Monteroni. "L'errore è sempre in agguato, un momento di confusione e accade quello che è accaduto a Galatina. Un evento mai successo prima. Ci siamo scusati con i genitori, stiamo esaminando dove ci siamo impigliati e porremo rimedio" dice costernato il direttore generale della Asl di Lecce, Valdo Mellone. "Tutti e due i neonati, la femminuccia e il maschietto, secondo quanto abbiamo potuto appurare finora avevano i braccialetti esatti: la femminuccia il suo nome e il maschietto il suo nome. Comunque stiamo verificando tutti i passaggi proprio per fare in modo che una cosa come questa non accada mai più". I genitori della piccola hanno deciso di denunciare la Asl chiedendo un risarcimento di 50.000 euro perché in seguito allo choc subito, la mamma avrebbe perso il suo latte naturale. "La cosa drammatica - spiega l'avvocato della famiglia di Monteroni - è pensare che se al posto di un maschietto le avessero dato invece una femminuccia, non si sarebbe mai accorta dello scambio, finendo così col crescere la figlia di un'altra donna".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    14 Gennaio 2014 - 09:09

    Certo che, con quella richiesta di risarcimento, non mi stupirei se l'"errore" fosse stato in qualche modo pilotato...

    Report

    Rispondi

  • blues188

    14 Gennaio 2014 - 08:08

    delle assunzioni per concorso statale. La Sanità è campo dello Stato, che per regalare i posti ai meridionali, assume non per bravura ma per concorso. Cosa possiamo aspettarci di meglio? I lavativi rimangono tali anche se assunti a 'pieno merito'.

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    13 Gennaio 2014 - 18:06

    Ma da qui a denunciare l'ospedale ;I genitori della piccola hanno deciso di denunciare la Asl chiedendo un risarcimento di 50.000 euro perché in seguito allo choc subito, la mamma avrebbe perso il suo latte naturale, che probabilmente non aveva o avrebbe perso comunque... la dice lunga sulla gente che non sa più dove attaccarsi pur di spillare qualche quattrino "a babbo"!!

    Report

    Rispondi

  • giseppe

    13 Gennaio 2014 - 17:05

    hanno la sanità che si meritano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog