Cerca

Parma

E' morto il papà del piccolo Tommy
Era in coma vegetativo dal 2008

Il cuore dell'uomo ha smesso di battere, ma la sua vita era finita quel drammatico 2 marzo del 2006

Il piccolo Tommy

Il piccolo Tommy

E’ morto questa notte intorno alle 3,30 all’ospedale Maggiore di Parma Paolo Onofri, il padre del piccolo Tommy, il bambino rapito e ucciso a Casalbaroncolo nel 2006. L'uomo, che dal 2008 versava in stato vegetativo a seguito di un infarto, era stato portato al nosocomio pochi giorni fa ed era stato ricoverato nel reparto di Medicina.

Un metro e novantacinque d’uomo ben piantato non ce l'ha fatta a superare questa ennesima prova. Il cuore di Paolo, che ha provato il dolore più grande quando la notte del 2 marzo 2006 due delinquenti a viso coperto si introdussero nell’abitazione di Casalbaroncolo portando via il suo bambino di 17 mesi, si è fermato. Legato mani e piedi, tenuto sotto controllo da uno dei due balordi aveva il viso schiacciato a terra quando ha visto i piedini di Tommy che venivano sfilati dal seggiolone. Quando i due rapitori sono usciti ha provato a inseguirli ma ha trovato solo il buio della notte. Poi sono venuti i giorni delle ricerche, interminabili, angosciose. Nessuna telefonata, nessun contatto. Solo 29 giorni, terribili, fino alla sera del primo aprile 2006 quando Mario Alessi confessò che il bimbo era stato ammazzato con una badilada e che il corpicino era stato abbandonato sotto un mucchio di paglia e sterco nel greto dell’Enza. La fine della vita di Mario Onofri era iniziata quel giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ermanno13

    16 Gennaio 2014 - 12:12

    all'idea che Mario Alessi possa uscire per buona condotta.

    Report

    Rispondi

  • FALCO1952

    16 Gennaio 2014 - 09:09

    Spero lei ritrovi il suo bambino ed insieme possiate trascorrere momenti felici,momenti che vi sono stati negati su questa terra da un ignobile essere che non è degno nemmeno di essere nominato,possa bruciare nel più profondo degli inferi assieme alla sua degna compagna.Per la mamma e la moglie rimasta sola un abbraccio di cuore,non sarà mai sola loro la proteggeranno da lassù.

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    15 Gennaio 2014 - 14:02

    Se non ricordo male questo signore oltre il dispiacere del figlio, ha subito la vigliaccheria e l'ignoranza di alcuni pm e giudici. Mi auguro che questi bastardi lo abbiate sulla coscienza, ma voi al posto della coscienza avete il culo. Dispiace per quel che è accaduto a questo signore se fosse accaduto ai pm o giudici avrei fatto festa.

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    15 Gennaio 2014 - 14:02

    Un bambino morto, la vita del padre spezzata e quella di chi rimane rovinata. Nessuna pena e' troppo grande per chi uccide o fa male ai bambini e crea questi disastri. Speriamo di non vedere fra poco i criminali che hanno commesso questo orribile delitto in semiliberta' o peggio in permesso premio...

    Report

    Rispondi

blog