Cerca

Burocrazia sanguisuga

Calcio balilla nel locale, barista multato. Per i vigili è "gioco d'azzardo"

L'assurda vicenda di un commerciante di Mestre. La polizia locale gli ha contestato la mancata licenza e il prefetto ha respinto il suo ricorso

Calcio balilla nel locale, barista multato. Per i vigili è "gioco d'azzardo"

Tutti a dire peste e corna delle slot machine nei bar. E poi il barista che sceglie di non metterle nel suo locale preferendogli il vecchio, sano calcio balilla, si trova a dover pagare una multa di 1.400 euro per una licenza "fantasma". La storia, raccontata dal Corriere della Sera, è quella di Stefano Ceolin, 44enne proprietario del bar-ristorante "Il palco" di Mestre. Nel marzo 2011 decide di mettere nel locale un calcio balilla, "per svagarmi un po' quando non cucino o non sto al bancone eper far divertire i clienti". Gratis, cioè a pallina libera e senza bisogno di mettere soldi per fare una partita. Ceolin, però, è uno scrupoloso e va comunque all'Uffico del Commercio comunale per verificare di non aver bisogno di permessi. Già, perchè per chi non lo sapesse, il calcetto su sui generazioni di italiani si sono slogati i polsi è considerato dalla burocrazia italiana un gioco d'azzardo, al pari delle famigerate slot machine (cosa non farebbe lo Stato per incassare più soldi). Ma lì gli dicono che se il calcetto era a "palline libere", non avrebbe avuto bisogno di alcun permesso. Accade però che un anno dopo i vigili capitino nel bar e contestino a ceolin la mancata licenza. Lui presenta ricorso al prefetto, che a dicembre gli risponde respingendolo. Motivo: "Per non aver addotto ragioni sufficienti" e "con la maggiorazione della multa". Fanno 1.400 euro. Tra parentesi: il 5 aprile prossimo, ceolin verrà premiato dal movimento "Slotmob", che lotta contro le dipendenze da videopoker. In Italia, la società è più "civile" dello Stato.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    17 Gennaio 2014 - 09:09

    "Occorreva il meccanismo di introduzione della monetina" Per il solerte legislatore o di chi ne fa le veci,questo bastava ad evitare la multa.Quando ero ragazzino per giocare a scrocco si metteva un pezzo di molletta da bucato nella leva del meccanismo,e tenerla aperta...Bastava questo piccolo accorgimento e nessuno poteva dire nulla....

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    16 Gennaio 2014 - 22:10

    Dovrebbero multare tutti i Parroci d'Italia per i calcetti "illegali" che detengono, più una bella denuncia per istigazione al gioco d'azzardo....

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    16 Gennaio 2014 - 19:07

    di efficientissimi cretini.

    Report

    Rispondi

  • libero14

    16 Gennaio 2014 - 19:07

    che questo paese è diventato il miglior Centro Addestramento Cretini al mondo. Non mi stupirei se il Prefetto, dopo avergli respinto il ricorso, lo denunciasse ora per apologia del fascismo avendo il barista utilizzato il termine "calcio BALILLA".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog