Cerca

Allarme meteo

Maltempo, Liguria ancora in ginocchio
Interrotti i collegamenti Italia Francia
Deraglia un treno, due feriti

Una frana si è abbattuta sull'Intercity Milano-Ventimiglia. Tragedia sfiorata sul dirupo

Maltempo, Liguria ancora in ginocchio
Interrotti i collegamenti Italia Francia
Deraglia un treno, due feriti

Frane e allagamenti in Liguria a causa della pioggia di questa notte mentre prosegue fino alle 24 di oggi lo stato di massima Allerta nel Ponente e nel Levante e l'Allerta1 nella parte centrale della regione. Nel Ponente sono state segnalate esondazioni dei torrente Caramagna e Argentina (zona foce) nell’imperiese, Centa (aree golenali) e S.Rocco nel savonese. A San  Lorenzo al Mare un’auto è stata trascinata dalla pioggia nel torrrente san Lorenzo. Si sta verificando se si siano avuti danni a persone.

Per miracolo non si è trasformato in tragedia il deragliamento del treno Intercity 660 Milano-Ventimiglia a causa di una frana caduta dalla sovrastante parete rocciosa tra Andora (Savona) e Cervo (Imperia) in un tratto a binario unico. Feriti i due macchinisti, in modo non grave, mentre sono rimasti illesi i circa duecento passeggeri a bordo. La tragedia è stata evitata per un soffio. La frana, infatti, ha coinvolto solo il locomotore e un vagone. I due vagoni sviati, come si dice in senso tecnico, dai binari, si sono appoggiati al muro. Sotto c'era il precipizio. Risulta bloccata la linea ferroviaria Italia-Francia. A Imperia si registrano numerosi allagamenti e una frana sul lungomare Vespucci. A Sanremo sono state evacuate a causa di una frana  due famiglie in strada Ernesto Marsaglia. In autostrada, a causa degli  allagamenti, è chiuso ai mezzi leggeri, autovetture e moto, il tratto  tra Ventimiglia e Arma di Taggia. A Capo Berta nella notte vigili del fuoco, protezione civile e tecnici dell’Anas hanno liberato la strada dai detriti e dagli alberi che bloccavano la circolazione.

A Ceriana, comune alluvionato dell’entroterra di Sanremo, sono state evacuate quindici famiglie, per una ventina di persone ed è crollata una casa di campagna, in una zona tra l’altro neppure considerata a rischio idrogeologico. Moltissime le famiglie isolate dell'imperiese per piccoli o grandi smottamenti che ostruiscono l’accesso alle strade di campagna. Sul versante di Ventimiglia, nell’alta Val Nervia, risulta isolato un intero Comune, Castel Vittorio, ed è il sindaco, Gian Stefano Orengo, a lanciare l’allarme. "Molti residenti che vivono nelle località fuori del centro abitato non sono ancora stati raggiunti; io e i miei amministratori siamo sul territorio per cercare di dare assistenza e verificare i casi più urgenti. c'è molta preoccupazione la situazione è di estrema emergenza". Gli interventi di vigili del fuoco e protezione civile ormai non si contano più e gran parte delle strade dell’entroterra sono costellate da frane. 

Nel Savonese l’acqua ha invaso numerosi locali interrati a Villanova d’Albenga, frane vengono segnalate a Borghetto Santo Spirito  e Alassio. Nella parte centrale della regione si segnalano un  innalzamento moderato del livello del torrente Bisagno a Genova, lievi  innalzamenti altrove. Nel capoluogo al momento non risultano danni gravi. I vigili del fuoco sono intervenuti per un muro pericolante in via Merello. L’acqua ha allagato il sottopasso della stazione di Busalla. Una frana si segnala a Lorsica. Nel Tigullio e nello spezzino sono in atto innalzamenti   significativi dei principali corsi d’acqua, in particolare di Entella e Vara. Arpal avverte che nelle prossime ore la situazione potrebbe assumere connotazioni di elevata criticità. Altre frane sul territorio della provincia di Genova, colpito nella notte da una pesante ondata di maltempo. Molti gli interventi degli uomini e dei mezzi della Provincia, coordinati dal commissario straordinario Piero Fossati. Alle 12 risulta chiuso un tratto della provinciale 225 della Fontanabuona (due chilometri a valle della galleria delle Ferriere) per una grossa frana dal versante ma è in corso un intervento per riaprirla nelle prossime ore. Già riaperta, invece, la provinciale 21 di Neirone nel tratto dove si era abbattuta una frana, a valle degli abitati di Roccatagliata, Corsiglia e della parte alta di Neirone.

Nello Spezzino una cinquantina di persone sono state evacuate a Borghetto Santo Spirito, come prevede il protocollo stabilito in caso di allerta. Numerose le scuole chiuse nella regione. Nell’imperiese per decisione   dei sindaci sono chiuse tutte le scuole del Golfo Dianese.

Anch il Piemonte è attraversato dall'ondata del maltempo con nevicate sopratutto sulle zone collinari e pianeggianti del cuneese, astigiano e alessandrino. Neve anche sulle autostrade Torino-Piacenza e   Torino-Bardonecchia dove non si registrano disagi alla circolazione Le precipitazioni più abbondanti sono attese sulle Alpi Marittime e Liguri. Dal pomeriggio è prevista un’attenuazione anche se una nuova  perturbazione è attesa dalla mattinata di domani. A seguito delle copiose nevicate  avvenute dal pomeriggio di ieri e proseguite per tutta la nottata, si è reso necessario chiudere al traffico la strada statale 21 del Colle  della Maddalena dal Comune di Argentera al confine di Stato. Lo   comunica l’Anas precisando che dalle 20.30 di ieri le autorità   francesi hanno chiuso l’arteria di loro competenza e conseguentemente   anche l’Anas ha dovuto conformarsi ai sensi della vigente convenzione  binazionale.Al momento nevica su gran parte della  regione e mezzi e personale dell’Anas sono in azione per le operazioni  di sgombero neve.

In Lombardia vengono tenuti costantemente sotto controllo i fiumi Lambro e   Seveso. "In preallarme è la situazione del Seveso che però nelle ultime ore si è andata stabilizzando", ha fatto sapere il comune di Milano. "Cresce lentamente il livello   delle acque del Lambro. Per questo le squadre di Protezione civile, Polizia locale e Mm Servizi idrici integrati sono già sul posto e   controllano le aree più soggette a esondazioni. Un camion con sacchi   di sabbia è stato posizionato nel parco Lambro nell’eventualità   fosse necessario proteggere le comunità di Don Mazzi e Ceas". Al momento, secondo le previsioni, la perturbazione sarà presente sull'area milanese fino a domenica. L’Anas comunicainoltre che la strada   statale 36 'del lago di Como e dello Splugà è chiusa in corrispondenza del km 133,000 a Campodolcino a causa di una slavina in  località La Valle. Non si segnalano danni a persone o cose. Per caduta di arbusti sul piano viabile, anche la statale 36 è chiusa  in corrispondenza del km 137,000, nel comune di Madesimo. Infine, la statale 36 resta   chiusa tra Andossi, a Madesimo (km 140,700), e il Passo dello   Spluga/Confine di Stato con la Svizzera, in provincia di Sondrio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog