Cerca

Poco pungente

Invasioni Barbariche, la Bignardi intervista Renzi

La conduttrice intervista il rottamatore ma non lo mette in difficoltà. Nessuna domanda sul futuro del segretario nel caso in cui i bersaniani dovessero mollare il partito...

Invasioni Barbariche, la Bignardi intervista Renzi

Ormai è ufficiale: domani Renzi inconterà Berlusconi nella sede del Pd. Ad annunciarlo è il rottamatore alle Invasioni Barbariche durante una intervista con Daria Bignardi. L'atmosfera in studio è molto soft, un pò alla Fabio Fazio. Domande poco pungenti e un monologo infinito di Renzi. La Bignardi è un distributore automatico di assit per il rottamatiore. La conduttrice di fatto non punge Renzi anzi gli fa domande scontate sulle riforme, sui costi della politica e sulla legge elettorale. Renzi raccoglie gli assit e picchia duro sul governo e sul Pd bersaniano e cuperliano. Ma sia Renzi che la Bignardi sanno benissimo che dopo l'incontro di Silvio con il rottamatore il Pd si troverà davanti ad un bivio. Chi dentro il Pd in questi giorni ha gridato allo scandalo per un patto Cav-Renzi sulla legge elettorale è determinato a tagliare la corda e a mollare il Nazareno. D'Alema, Cuperlo, la Bindi e tutti i bersaniani sono in stato d'allerta e a più riprese hanno minacciato tra le righe una scissione. Ecco la Bignardi si è scordata di fare a Renzi l'unica domanda che andava fatta: Cosa farà Renzi se il Pd si spacca e i bersaniani vanno per la loro strada? Matteo conquisterà pure la legge elettorale, ma rischia di perdere il partito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    18 Gennaio 2014 - 17:05

    Ho seguito la trasmissione ed ho rilevato che, alle risposte precise e costruttive di Renzi, la Bignardi faceva seguire solo domande ripetitive e fuori tema. Per quanto riguarda l'incontro Renzi-Berlusconi, se dovesse scaturire un accordo su di una legge elettorale seria ed efficace, bene! Se poi alcune nomenclature del PD avessero voglia di andare per altra strada, dovranno sempre fare i conti con il partito che conta davvero, quello degli elettori, senza i quali loro non sono nessuno.

    Report

    Rispondi

  • ssansonetto

    18 Gennaio 2014 - 12:12

    Bignardi chi ?

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    18 Gennaio 2014 - 09:09

    lasciateli perdere: i più amati dagli italiani ahahahaha

    Report

    Rispondi

  • littlefrancisco

    18 Gennaio 2014 - 07:07

    Figuratevi in quale tipo di angosce e di ansie finirebbe il Paese se il Pd dovesse dividersi:io già questa notte, al solo pensiero,non ho dormito. Riusciremo a sollevarci da questa catastrofe?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog