Cerca

Vecchi arnesi

Anche il terrorista rosso Senzani vota Renzi: "Mi piace"

"La rivoluzione ha fallito", ammette a "Panorama" il brigatista mai pentito. Così si affida al neo-segretario del Pd

Anche il terrorista rosso Senzani vota Renzi: "Mi piace"

Il segretario del partito democratico, Matteo Renzi, è un uomo che piace, anche ai brigatisti. Il sindaco di Firenze, politico per tutte le stagioni, conquista sia a destra che e a sinistra. Lo apprezzano persino le donne, che chiudono un occhio, forse un orecchio, su quelle parole pronunciate quasi avesse una nespola in bocca.  Giorgio Armani, Jovanotti, il ct della nazionale Cesare Prandelli, il concittadino Leonardo Pieraccioni e ancora Paolo Bonolis, Fausto Brizzi, l’imprenditore del tessile Brunello Cucinelli e persino l’onnipresente sacerdote della tv Don Mazzi, sono solo alcuni dei suoi endorser più famosi che nel tempo hanno fatto coming out. 

Ma gli ammiratori, le conquiste, gli elettori non si scelgono. E così al Mr.Bean nostrano sono toccate le parole di plauso di Giovanni Senzani. Di lui l’ex terrorista ed ex esponente di primo piano delle Brigate Rosse, condannato a sette ergastoli per l’assassinio di Roberto Peci, in un’intervista al settimanale Panorama ha detto: «Ho dovuto ascoltare Massimo D’Alema dire che Renzi non è di sinistra. Perché, lui lo è? È assolutamente ridicolo. Renzi è veloce e un programma lo ha di sicuro. È paradossale che mi trovi qui a lodarlo». Sul  segretario del Pd non aggiunge altro. Dei partiti invece parla e spiega che «le Br scardinarono la Dc, ma gli schieramenti che hanno governato fino ad oggi sono peggio di quelli di allora». Pur restando marxista, ha ammesso che «noi abbiamo compreso tardi che il comunismo realizzato è diverso da quello teorico. Solo la borghesia ha saputo usarlo bene: Carlo De Benedetti e Diego Della Valle, loro sì lo hanno capito».

Giovanni Senzani accetta di parlare dopo anni di  silenzio. Ha 72 anni, è vedovo. E proprio con la morte della moglie Anna ha scoperto il  «dolore di una perdita». Nell’intervista esclusiva, il professore universitario, criminologo ed  ex consulente del ministero di Grazia e giustizia ripercorre i momenti che portarono all’esecuzione di Peci, colpevole di essere fratello di Patrizio primo brigatista pentito. Fu Senzani, compagno più tardi di cella dell’attentatore di Papa Giovanni Paolo II, Ali Agcà, a svolgere in prima persona l’interrogatorio di Peci. L’esecuzione, con 11 proiettili, dopo 55 giorni di prigionia, fu filmata. Senzani viene arrestato il 13 gennaio 1982 a Roma. Del caso Peci  dice: «Dovrei dire: scusatemi, ho ucciso? Io non credo nel perdono, non mi permetterei mai di chiedere perdono. Mi sembra un’offesa. Mi sembra pornografico andare davanti a qualcuno, cui hai ucciso il padre o il marito, e chiedere perdono». Poi aggiunge di essere disponibile di incontrare la figlia di Peci, ma «non davanti alle telecamere come voleva lei». 

Eppure Senzani è avvezzo alle telecamere, almeno quelle cinematografiche. L’ex rivoluzionario è infatti protagonista del film di Pippo DelBono Sangue , uscito nelle sale lo scorso 11 gennaio. La pellicola è stata vincitrice del Premio Don Chisciotte al Festival di Locarno e della Menzione d’Onore. Accompagnato da polemiche, retrospettive, eventi e incontri, il film è stato distribuito autonomamente dalla Compagnia Pippo Delbono in un circuito di sale indipendenti.  Sangue, che si apre con sfilate di ex brigatisti ai funerali di Prospero Gallinari all’Aquila, è la storia di uno strano incontro: quello tra Delbono e Senzani. Un incontro dove si incrociano le storie di due donne: la madre di Pippo, Margherita, fervente cattolica, ed Anna, la moglie di Giovanni, contraria da sempre alla lotta armata, che ha deciso di accudirlo e sostenerlo nei 23 anni di prigionia. Due donne che muoiono a pochi giorni di distanza lasciando i due uomini feriti e indifesi, improvvisamente soli. E attraverso la morte si parla delle rivoluzioni, del sangue, dell’amore, della vita. «L’amore lo capisci dopo la morte: io l’ho capito quando ho perso Anna», confessa Senzani.  Delle rivoluzioni dice: «Come si poteva pensare di cambiare il mondo, di portare in poco tempo il proletariato al comando, quando la borghesia ci ha messo secoli per arrivare al potere?  Pensavamo di arrivarci da una scorciatoia, ma abbiamo fallito, La rivoluzione ha fallito». Il futuro è Matteo Renzi.

di Chiara Pellegrini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bizio49

    25 Gennaio 2014 - 11:11

    Ricordo quei tempi, e chi li ha vissuti ne ha scolpita l'anima. Senzani ha trovato nella sua assurda e bieca ideologia comunista la giustificazione per diventare un Boia, il padrone della vita,dei sentimenti,del bene, degli affetti, e di tutto ciò che anima e da senso alla vita di ognuno di noi compresa la libertà di pensare ed agire in modo diverso.Ha ucciso i pensieri ed il libero arbitrio! nonostante ciò qualche suo amico ha pensato bene di nominarlo Consulente del Ministero di Grazia e Giustizia.... è professore docente universitario....sob!Cosa può trasmettere a chi lo ascolta? solo in Italia (paese dell'impossibile)si vede una cosa del genere (degenere), il disprezzo della vita altrui, della legge, dello Stato, non può consentirgli di svolgere quei ruoli. VERGOGNA!VERGOGNA.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    23 Gennaio 2014 - 16:04

    di furbi che fanno il proprio porco comodo e poi si pentono e si perdonano ce ne sono fin troppi, specie tra le bestie del cattolicesimo.... uno in più non ci serve proprio.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    23 Gennaio 2014 - 15:03

    simili individui che fanno danni, occupano con dolo e danno la società civile, che ne distruggono pezzi utili, sia a dx come a sx, e poi si pentono e si perdonano COME I SEPOLCRI CATTOLICI pieni di vermi dentro ed imbiancati fuori, e pretendono poi di rientrare nella società civile che hanno attaccato per decenni, MI FANNO SOLO SCHIFO. Non perdono, chi sbaglia paga e paga fino alla totale restituzione dei danni morali e materiali fatti ! non sono idiota buonista, io.

    Report

    Rispondi

  • giseppe

    23 Gennaio 2014 - 15:03

    forse voleva dire la coglionaggine

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog