Cerca

Nel Viterbese

Cade elicottero dell'esercito, muore il generale Calligaris

L'Ab 206 ha urtato i cavi dell'alta tensione in zona Monte Romano, nel viterbese. Deceduto anche un altro ufficiale

Cade elicottero dell'esercito, muore il generale Calligaris

C'era il generale Giangiacomo Calligaris, tra i due ufficiali morti a bordo di un elicottero dell'esercito precipitato oggi nella zona di Monte Romano, nel Viterbese, abituale zona di addestramento. Calligaris, comandante dell'intera Aves (l'aviazione dell'Esercito) era il pilota addestratore dell'AB 206. Accanto a lui il tenente Paolo L. Il velivolo deve aver accidentalmente incrociato alcuni cavi dell'alta tensione, che hanno bloccato le pale del rotore e lo hanno fatto precipitare senza lasciare scampo ai due occupanti. Calligaris, 57 anni, era entrato nell'aviazione dell'esercito nel 1985 ed era diventato comandante dell'Aves nel marzo 2013.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Argonauta

    23 Gennaio 2014 - 20:08

    Maledetti fili sono tremagli stesi in aria un pericolo per uomini e uccelli,e che dire di quegli ambientalisti che hanno preteso la verniciatura dei tralicci di colore mimetico per eliminare l'impatto ambientale. Ci sono linee aeree in disuso che rimangono presenti sul territorio allo scopo di mantenere accese le concessioni una realtà che nel Lazio negli anni scorsi ha assassinato cinque uomini specialisti, medici, volontari in missione di soccorso, l'elenco è molto lungo e diventa un massacro se vi si aggiungono i numeri dati dalle tragedie dati da volo professionale, sportivo, da diporto. Una legge degli anni 90 imponeva il sotterramento di tali linee per abbassare l'inquinamento che producono. A tutto questo vi si aggiungono i numeri dati dalle teleferiche non autorizzate e quindi non segnalate. Dopo tutto ciò è con dolore che esprimo le mie condoglianze alle famiglie,amici e colleghi. ONORI R.I.P.

    Report

    Rispondi

blog