Cerca

Il caso

Ruby, la Cassazione chiede sanzione disciplinare per la Fiorillo

Ruby, la Cassazione chiede sanzione disciplinare per la Fiorillo

Una bacchettata sulle mani? No, neppure quella. Una semplice "dichiarazione formale di biasimo", in gergo tecnico una "censura". E' la "punizione" richiesta dalla sezione disciplinare del Csm per Annamaria Fiorillo, la pm per i minorenni di Milano, accusata di aver violato il dovere di riserbo imposto alle toghe con le dichiarazioni rese alla stampa, nel novembre 2010, su quanto accadde nella notte tra il 27 e il 28 maggio di quell'anno, la notte in cui la Fiorillo era di turno e Ruby venne portata in questura per poi essere rilasciata ed affidata a Nicole Minetti.

Frasi nel mirino - Nel dettaglio, con le sue inopportune dichiarazioni ai cronisti, la Fiorillo contestava la versione dei fatti che era stata fornita dall'allora ministro dell'Interno, Roberto Maroni. Ora, a distanza di più di tre anni, l'organo di autodisciplina delle chiede il "biasimo della collega chiacchierona. La censura è stata chiesta dal sostituto pg di Cassazione, Umberto Apice, davanti ai giudici delle sezioni unite civili della Suprema Corte. Il pg spiega: "Il dovere di riserbo è scolpito nella legge deontologica. Un magistrato non può rilasciare dichiarazioni alla stampa".

La quasi-difesa - E così potrebbe scattare la "tagliola" della censura, la più blanda delle sanzioni previste dal Csm. Nulla di grave, insomma, se un giudice non rispetta le regole. Il pg poi aggiunge, quasi a difendere la collega: "E' vero che Fiorillo non cercò il contatto con i giornalisti per smania di protagonismo, ma per ristabilire la verità, ma tutto questo può essere un'attenuante della condotta, non una scriminante. Il riserbo - prosegue solenne Apice - comporta che su ciò che è avvenuto non è il singolo magistrato a riferire all'opinione pubblica, ma deve essere il capo dell'ufficio".

La decisione - Per il pg, "i fatti erano di una tale delicatezza che balzava agli occhi che sarebbero stati oggetto di distorsioni e strumentalizzazioni: questo aspetto avrebbe dovuto frenare Fiorillo nell'impulso, umanamente comprensibile, di far conoscere la sua verità, che poi è risultata essere la verità oggettiva". In definitiva, però, per Apice il ricorso presentato dalla pm per i minorenni di Milano deve essere rigettato, e deve essere contestualmente confermata la sanzione inflitta alla Fiorillo dal tribunale delle toghe lo scorso 10 maggio. La decisione delle sezioni unite civili del "Palazzaccio" sarà resa solo con il deposito della sentenza, che di norma avviene entro un mese dall'udienza.

Il precedente... - Il difensore della Fiorillo, professor Federico Sorrentino, ha insistito sull'accoglimento del ricorso: "Non c'è stata violazione del riserbo - ha dichiarato -, e non esiste il divieto assoluto di manifestare il proprio pensiero: qui non si trattava soltanto di ristabilire il vero, ma anche di tutelare la propria professionalità". La decisione è attesa a breve. Ma la Fiorillo può star tranquilla: al massimo sarà "censura". Le toghe chiacchierone non pagano, mai. Basti pensare all'illustre caso di Antonio Esposito, il "giustiziatore" del Cav nel processo Mediaset, la cui richiesta di trasferimento in seguito all'intervista "abusiva" concessa a Il Mattino è stata archiviata. Al massimo sarà una censura...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    29 Gennaio 2014 - 16:04

    naaaaa, non sono fessi, sanno bene come stanno le cose. Sono semplicemente in MALA FEDE a causa del loro credo politico. Che ne pensi?

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    29 Gennaio 2014 - 14:02

    il ministro Marocchino ha smentito di avere mai avuto fra le mani la data di nascita della prostituta, al tempo minorenne, Ruby, quella che voi pensate essere al nipotina di Mubarak.... FESSI!

    Report

    Rispondi

  • mauririo

    29 Gennaio 2014 - 14:02

    Che vomito !! fiorillo sorrentino esposito magistratoni strapagati, che schifo. Tutti "leggermente meridionali" !!

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    29 Gennaio 2014 - 13:01

    ",le sezioni unite della Cassazione hanno messo ordine al casino interpretativo dato dai Magistrati che,come al solito hanno applicato in senso più colpevolista una norma penale"? hanno applicato in senso più colpevolista la norma? quando? al delinquente hanno dato sette anni in totale per l'ennesimo reato commesso dal nano: 6 per concussione e 1 per prostituzione minorile. peccato, però, che la pena per la prostituzione minorile è da 6 a 12 anni, quella per concussione è da 4 a 12 anni, al delinquente gliene hanno dati 7, e quindi molto meno dalla pena massima prevista. poi, caro Lino, sembra che il Ministro Marocchino abbia smentito categoricamente di avere mai affermato di conoscere l'età della Ruby. e infine, forse che al Tribunale di milano si siano basati sul passaporto egiziano della ragazza? oltre ovviamente avere chiesto all'anagrafe Marocchina. questa, Lino, è l'ennesima cazzata confezionata ad arte(pessima) per i BANANAS berlusconiani...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog