Cerca

Il caso

Provvidenza Grassi, l'intercettazione choc ai carabinieri: "Quella è una putt..."

La ragazza è stata trovata morta a Messina dopo mesi di ricerche. Dagli agenti insulti alla vittima e a suo padre

Provvidenza Grassi, l'intercettazione choc ai carabinieri: "Quella è una putt..."

"Quella è una putt.., una zoccola. Il padre rompe sempre, è un coglione". Queste sono le frasi choc pronunciate da due carabinieri di Messina su Provvidenza Grassi, la ragazza 27enne scomparsa lo scorso luglio e ritrovata morta qualche giorno fa. La registrazione di queste affermazioni è stata mandata in onda durante la trasmissione di Rai3 Chi l'ha visto; dopo aver parlato con un giornalista, i due carabinieri non si sono accorti di non aver interrotto la telefonata e si sono messi a commentare tra loro le pressioni che il padre della vittima stava facendo ai militari presentandosi in caserma molto spesso. Gravissimi gli insulti rivolti sia al padre sia alla figlia, che stanno mettendo in imbarazzo l'Arma e suscitano sdegno e polemiche. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    04 Febbraio 2014 - 08:08

    forse hanno esagerato . ma il pubblico saccente sa cosa vuol dire essere sempre educati davanti ad un ignorante che viene a dire che il gatto ha pisciato sullo zerbino e vuole assolutamente che una divisa esca a vedere ? e questi signori sanno cosa accade quando una divisa passa , e gli extra territoriali pensano bene di ammazzarne uno , tanto è una divisa ? quando però avete il culo in pericolo chi chiamate ? ovvio nemmeno chiedere . chissà lo stress che avevano. già perché il questore , il capo , il sindaco stavano rompendo . non parliamo degli assessori in campo comunale , in genere sono analfabeti con la terza media , e comandano . ma chi si credono di essere ? per parlare bisogna conoscere la realtà , poi prendersela con le alte cariche a 50mila euro a mese . ad maiora

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    31 Gennaio 2014 - 12:12

    Come il solito. In questo paese chi sbaglia in certi enti viene trasferito, promosso ovvero imboscato sino a che non si placano le acque e poi tutto come nulla fosse accaduto. No signori, questo cancro nella società deve essere estirpato buttandoli fuori dall'Arma. Siate seri !!!!!

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    31 Gennaio 2014 - 12:12

    Purtroppo la politica ha sempre messo le mani da per tutto con le raccomandazioni, quindi per preparazione e meritocrazia sempre meno gente è entrata nell'Arma. Il risultato ? Si vede, come vanno allo sfascio le altre Amministrazioni pubbliche pure questa "Benemerita" se ne sta andando allo sfascio. Ormai non si sa più di chi ci si debba fidare se non di noi stessi.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    31 Gennaio 2014 - 10:10

    Ma perchè ci ostiniamo ancora a chiamarla "La Benemerita"?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti