Cerca

Oggi in edicola

Mastrapasqua, lo scoop di Libero: Mister 25 poltrone ha la laurea falsa

Mastrapasqua, lo scoop di Libero: Mister 25 poltrone ha la laurea falsa

C'era una volta Mister Poltrona. Antonio Mastrapasqua si è dimesso dalla presidenza dell'Inps dopo una settimana di scandali e polemiche. Prima la collezione di cariche ben remunerate, quindi i guai giudiziari per le cartelle cliniche truccate all'Ospedale Israelitico da lui presieduto. Infine, l'ultima perla: come svela l'articolo di Giacomo Amadori su Libero in edicola sabato 1 febbraio, Mastrapasqua fu condannato negli anni Novanta a 10 mesi di carcere per aver comprato esami universitari mai sostenuti. La laurea falsa ("Poi ho rimediato", si difende lui sempre su Libero) non gli ha impedito prima di venir premiato dall'università La Sapienza e poi, come noto, di fare una grandiosa carriera a suon di cariche pubbliche. 

su Libero in edicola sabato 1 febbraio

 

 

Letta: "Mai più casi Mastrapasqua" - Con qualche giorno di ritardo, il premier Enrico Letta è intervenuto sul caso Mastrapasqua spiegando che non ci sarà sovrapposizione tra governo e autorità giudiziaria. E a chi gli chiede, da Sel alla Lega Nord, di rimuovere il presidente dell'Inps Letta replica annunciando "un disegno di legge che presentiamo con procedura di urgenza" perché "non esiste una norma di incompatibilità nella cariche nella Pubblica amministrazione". Nessun problema: come ammesso dal ministro del Lavoro Enrico Giovannini Mastrapasqua si è dimesso anche a causa di questo "pressing". Quello delle doppie o triple poltrone è '"un buco normativo assolutamente clamoroso che va coperto, non è possibile questa situazione nel nostro Paese", spiegava Letta. 

Giallo all'ospedale - Mister Inps (i cui familiari fanno incetta di poltrone, proprio come lui) fino a poche ore prima della scelta fatale continuava a ribadire di non avere intenzione di dimettersi, ma per lui non c'era solo il fronte "etico" dei multi-incarichi. C'è pure, sempre più calda, la questione giudiziaria. "Da un accertamento effettuato oggi presso gli uffici della Direzione Regionale Salute - spiega in una nota la Regione Lazio -, non risultano reperibili alcuni documenti in originale relativi agli atti istruttori che hanno portato a ratificare gli accordi con l'Ospedale Israelitico nei decreti del commissario ad acta n. 89 del 2011 e n. 149 del 2012". La Regione ha presentato una denuncia, che si somma il buco da 85 milioni di euro di rimborsi pubblici sfuggiti a Mastrapasqua, che non ha vigilato sulle cartelle cliniche consegnate dai medici del "suo" Ospedale Israelitico, di cui è direttore generale. 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariomilone

    03 Febbraio 2014 - 12:12

    La gestione ordinaria del patrimonio da reddito dell'INPS, affidata di proroga in proroga sempre alle stesse società tra cui la IGEI S.p.a. in liquidazione dal 1996 e di proprietà dello stesso Inps per il 51%, negli anni dal 2008 al 2013, ha fatto registrare (come risulta dai suoi bilanci), ingenti perdite per complessivi 655 milioni di euro

    Report

    Rispondi

  • mariomilone

    03 Febbraio 2014 - 12:12

    In data 28 marzo 2011, l'INPS ha indetto una gara volta all'affidamento dei "Servizi di gestione amministrativa, tecnica e di supporto alla valorizzazione del patrimonio immobiliare da reddito per un importo di 44,1 milioni di euro che inizialmente è stata vinta da Prelios ma poi, con la sentenza del Consiglio di Stato n. 6036 del 17 dicembre 2013, è stata aggiudicata alla ROMEO GESTIONI S.p.a determinando così una situazione di caos totale

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    02 Febbraio 2014 - 17:05

    Almeno la domenica potrebbe evitare di farneticare!!!anche le piante dovrebbero riposare.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    02 Febbraio 2014 - 16:04

    I nodi al pettine!La «ghigliottina», non fu introdotta da Violante onde troncare gli interminabili dibattiti dei deputati che cercano di tirarla per le lunghe fu Nilde Jotti del Pci per impedire l'approvazione dei Decreti scadenza la Zarina sotto il Governo Craxi sopratutto per le famose 24 mila lire sulla contingente. L'amante del Migliore “Così fan tutti ” okkupava 400mq in un Palazzo d'Epoca con 4 soldi. Cchiste per far si che i Decreti del Governo del mio amico Bettino decadessero, violò l'accordo dei Capi Gruppo che passò da 10 minuti 20 per ogni intervento Parlamentare. Stesso periodo 3 Deputati Psi e che vennero condannati a 3 mesi di reclusione per un reato di Opinione per commentare la famosa velina del gen. dei CC che sosteneva di un attentato al mio amico Politico, Walter Tobagi che puntualmente fu trucidato. Dimentico che quel “ Democratico” era Achille Occhetto che dal Marocco diede l'ordine di votare contro l'immunità Parlamentare cosa che accadde a a al prof Sgarbi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog