Cerca

Fermati i coinquilini

Delitto di Milano, confessano gli assassini dell'omicidio di Mahtab Savoji

Fermati dagli inquirenti, hanno raccontato il loro folle viaggio con il corpo della ragazza rinchiuso in una valigia. Lecco e Venezia le tappe

Delitto di Milano, confessano gli assassini dell'omicidio di Mahtab Savoji
Un cadavere trasportato in un trolley per dodici ore: indifferenza, crudeltà, sfrontatezza e freddezza. Rajeshwar Singh e Gagandeep Kaur, 28 e 30 anni, hanno confessato. Sono loro gli assassini di Mahtab Ahad Savoji, 29enne iraniana studentessa all'Accademia di Brera. L'hanno soffocata, hanno nascosto il suo corpo all'interno di una valigia. Sono usciti di casa e hanno preso un treno per Lecco: bagaglio alla mano, si sono mischiati ai pendolari che ogni giorno percorrono quella tratta per motivi di studio o lavoro. Avrebbero voluto liberarsi della vittima gettandola nelle fredde acque del lago ma il loro piano è andato in fumo per la presenza di troppi testimoni.

A Venezia - Con la stessa raccapricciante freddezza sono allora ripartiti alla volta di Venezia. Questa volta hanno finto di essere una delle tante coppie che scelgono di trascorrere una vacanza romantica tra i calli e i canali della Serenissima. Arrivati alla stazione di Santa Lucia, dove sono stati ripresi dalle telecamere a circuito chiuso, si sono imbracati su un vaporetto e hanno raggiunto il Lido. Qui hanno aspettato il tramonto e, coperti dal buio della sera, hanno estratto il cadavere dalla valigia per buttarlo nel Mar Adriatico: cosa si saranno detti in quei momenti? Il taxista che li ha accompagnati nel ritorno a Milano li descrive come assonnati e annoiati dalla durata del viaggio: "Sbadigiliavano e, a un certo punto, si sono addormentati", racconta in un'intervista al Corriere della Sera


Chi erano? - Di origini indiane, lui portiere d'albergo e lei cameriera. I vicini di casa li descrivono come una coppia strana, molto litigiosa: "Capitava spesso che urlassero, li sentivamo gridare e, nel corso di una di queste liti, la ragazza era rimasta ferita". In quell'appartamento di via Pericle 5, nei pressi del trafficato viale Monza, avevano ospitato diversi coinquilini: subaffitavano una stanza per riuscire a sostenere la spesa dell'affitto. In tanti, in passato, erano scappati quell'abitazione spaventati dalle risse tra i due. Mahtab, che una professoresssa descrive come "timida e mite", aveva provato a resistere. Negli ultimi tempi, Intimorita dalle insistenti avances dell'uomo, si era però rivolta a un'amica per cercare un'altra sistemazione. Lunedì 27 gennaio, probabilmente verso le 14, il tragico delitto. Il movente è ancora da chiarire. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • primus

    04 Febbraio 2014 - 20:08

    visto che questi hanno ucciso una ragazza iraniana, perché non estradarli in Iran che per fare giustizia ?

    Report

    Rispondi

  • er sola

    04 Febbraio 2014 - 19:07

    … che poi dopo qualche anno, con questi politici e con questa, ridicola, giustizia, tornano liberi, come succede alle varie mamme e ai vari assassini che impestano la nazione. Estradiamoli in Iran che loro sanno come condirli.

    Report

    Rispondi

  • gosel

    04 Febbraio 2014 - 17:05

    Adesso condanniamoli a morte come vorrebbero fare al loro paese con i nostri marò.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    04 Febbraio 2014 - 17:05

    adesso bisogna fare come fa l'India. nel caso specifico poi in galera e buttare via la chiave.!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog