Cerca

Ambulatorio a luci rosse

Gallipoli, l'annuncio hot nello studio del ginecologo

Una paziente, sconvolta per il messaggio, ha deciso di scattare una foto e postarla sul suo profilo Facebook. Immediate le indagini della struttura ospedaliera

Gallipoli, l'annuncio hot nello studio del ginecologo
Una gaffe ad alto tasso erotico. Gallipoli, studio ginecologico dell'Asl: una donna sta per sottoporsi a una visita, quando sulla porta dell'ambulatorio vede un cartello. Incuriosita si avvicina e per leggere l'annuncio ma non può credere ai suoi occhi: "Abbiagliamento consigliato: gonna e autoreggenti". Più che dal dottore, le sembra di essere sul set di una pellicola a luci rosse. Incredula, si affretta a scattare una fotografia e, una volta rientrata a casa, la posta sul suo profilo facebook. L'ondata di commenti è irrefrenabile: c'è chi s'indigna e chi grida allo scandalo, alcuni si dicono diveriti e altri manifestano tutto il loro disgusto.

Chi è il colpevole? - Lo scalpore per il fatto cresce a tal punto che il manager della struttura ospedaliera si affretta ad avviare un'indagine lampo. Poi, la soluzione del giallo: "È stata una dottoressa a scrivere quel messaggio in modo alquanto sbrigativo. Un'imprudenza che abbiamo già cancellato rimuovendo l'avviso", ha dichiararto l'uomo al Corriere del Mezzogiorno. Insomma, niente abusi nè proposte indecenti: solo un'inconsapevole gaffe. Il dirigente ha comunque dichiarato di non voler sottovalutare la cosa:  "Una cominicazione del genere può essere data dal Cup, al limite deve essere comunicato a voce. Oppure, ancora, l'informazione può essere data direttamente dal ginecologo. Insomma, c'è una maniera giusta e una sbagliata di fare delle cose, e quella del cartello è la maniera sbagliata».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sempre-CDX

    05 Febbraio 2014 - 12:12

    Credo che anche i sassi avranno capito che non c'era nulla di maligno su quel cartello ma solo un'idea per velocizzare le visite che a volte ti fanno attendere per ore in sala d'attesa. Meno male che l'ha scritto una ginecologA (donna) .....

    Report

    Rispondi

  • exbiondo

    05 Febbraio 2014 - 09:09

    a parte il fatto che l'intimo più sexy le donne lo tengono solo per le visite, ma a talune si potrebbe consigliare le comode calze "antitrombo", comode, sicure ed autoreggenti

    Report

    Rispondi

  • albettone

    05 Febbraio 2014 - 07:07

    D'accordo, l'invito poteva essere rivolto in un modo un po' meno "ruspante".Comunque l'abbigliamento consigliato mirava a velocizzare le visite in generale. Ma la signora indignata non ci arriva, poverina.

    Report

    Rispondi

  • alvara

    04 Febbraio 2014 - 23:11

    il cartello è stato messo da una ginecologa. allora è lesbica? ma la signora che va a visita , vestita con gonna o con burka alla fine non deve spogliarsi comunque? e il medico metterebbe il cartello per vederla con le calze senza aspettare di vedere il resto? che idiozia!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog