Cerca

Investì fidanzati strafatto

Pena dimezzata a Lucidi

Investì fidanzati strafatto

È stata ridotta a cinque anni di reclusione (rispetto ai dieci inflitti in primo grado) la pena per il pirata della strada Stefano Lucidi che la sera del 22 maggio del 2008, a bordo di una Mercedes, uccise i due fidanzati di 22 anni, Flaminia Giordani e Alessio Giuliani che viaggiavano su uno scooter, all’incrocio tra via Nomentana e viale Regina Margherita.
La riduzione della pena è stata decisa dalla prima corte d’assise d’appello di Roma che ha attribuito all’imputato il reato di duplice omicidio colposo, e non più quello volontario con dolo eventuale.
Stefano Lucidi, che era presente in aula al momento della sentenza, rimarrà per il momento in carcere mentre il presidente Antonio Cappiello della prima Corte d’assise d’appello ha disposto la trasmissione degli atti alla procura per il reato di omissione di soccorso. La sentenza di primo grado, emessa lo scorso novembre dal gup Marina Finiti con il rito abbreviato, era la prima che riconosceva l’omicidio volontario in caso di morti per incidente stradale.
Le argomentazioni della difesa - La corte ha invece recepito le argomentazioni del difensore di Lucidi, l’avvocato Franco Coppi, secondo cui il grave episodio avvenuto la sera del 22 maggio 2008 “doveva essere ricondotto nello schema dell’omicidio colposo e non quindi del dolo come stabilito dalla sentenza di primo grado”.
"Dire che un soggetto passa con il rosso - ha spiegato il penalista - e che quindi non può non aver previsto l’evento, non significa aver dimostrato la presenza del dolo. Questo incidente va inquadrato nella colpa. Lucidi doveva fermarsi e non si è fermato. Doveva rallentare e non ha rallentato. E anche se avesse visto il motorino, che ha comunque notato all’ultimo momento, e avesse fatto il calcolo di riuscire a passarlo, saremmo ancora una volta nell’ambito della colpa. La sentenza di primo grado ha voluto introdurre la distinzione tra errore ragionevole e irragionevole ma dove c’è l’errore non può in ogni caso esserci il dolo”.
"Giustizia smentita spudoratamente" - Alla lettura della sentenza, i genitori dei due ragazzi uccisi hanno reagito con compostezza, nonostante l’evidente dispiacere per la pena ridotta. Lasciata l’aula, però, la mamma di Flaminia ha voluto sfogarsi con i giornalisti: “Dalla sentenza di primo grado - ha detto la signora in lacrime - era emerso un messaggio di giustizia, di dignità della vita umana. Non è possibile che oggi i giudici possano aver sputato in faccia alla gente. La sentenza del gup era stata talmente una tappa sofferta osannata da tutta Italia, come è possibile che oggi si siano presi una responsabilità del genere? Oggi tutto è stato smentito spudoratamente. Mia figlia non c’è più e credevo che la sua vota potesse valere per la vita di tutti gli altri”.
Dello stesso tenore anche il papà di Flaminia: “Con la sentenza di oggi non mi considero più italiano, brucerò la scheda elettorale. La contestazione di omicidio volontario poteva diventare un esempio per casi analoghi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giovannib

    19 Giugno 2009 - 08:08

    come mai in questa Nazione i delinquenti sono protetti e le persone per bene devono attraversare peripezie che durano anni per risolvere i loro problemi. Probabilmente la legge non è uguale per tutti o i preposti non sono a conoscenza della etimologia delle parole che sono alla base del loro GIURAMENTO "SERVIRE LA GIUSTIZIA NEL NOME DEL POPOLO SOVRANO" . DI PIETRO IMPARI prima l'italiano e poi venga a pontificare altrimenti si vergogni lui e suoi accoliti VIVA L'ITALIA LIBERA

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    19 Giugno 2009 - 08:08

    Se misuriamo con il misurino uno che, senza patente, passa col semaforo rosso, centra 2 persone, scappa, ha precedenti di droga, qualcuno mi deve spiegare cosa è cambiato dai tempi dei promessi sposi e dell'azzegarbugli. Pardon, mi dimenticavo che il problema della giustizia sono le signore che vanno allle feste a pagamento. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • agmenquadratus

    19 Giugno 2009 - 08:08

    Il padre della vittima si rassegni: i giudici hanno cose più importanti a cui pensare, tipo le veline alle feste di Berlusconi.

    Report

    Rispondi

blog