Cerca

Droga

Bocciata legge Fini-Giovanardi. Pene minori per chi fa uso di droghe leggere

Dal ricorso partito da un trentino trovato con 3 chili di hashish, la Corte Costituzionale ha deciso di bocciare la legge sulle droghe leggere

Bocciata legge Fini-Giovanardi. Pene minori per chi fa uso di droghe leggere

Dopo essere rimasta in vigore per otto anni, la legge Fini-Giovanardi sul consumo di droghe leggere è stata bocciata dalla Corte costituzionale: "Viola la Costituzione". Nel comunicato viene dichiarata "l'illegittimità per violazione dell'art. 7, secondo comma, della Costituzione", procedimento che regola la procedura di conversione dei decreti-legge. Si è quindi voluto tornare alle pene minori per coloro che fanno uso di sostanze stupefacenti a effetto ridotto. Niente comparazione quindi per le droghe leggere e pesanti: viene ripresa la legge Iervolino-Vassalli a modifica del referendum del '93. La Fini-Giovanardi era entrata in vigore all'inizio dell'anno 2006 e non era mai stata modificata. Stabiliva una reclusione tra i due e i sei anni per chi spacciava hashish. L'esame della Consulta è avvenuto su ricorso dei legali di un trentino, condannato a quattro anni per esser stato trovato in possesso di 3,8 chili di hashish. Le pene verranno ora ridotte a una multa massima di 260mila euro.

di Valentina Princic

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    14 Febbraio 2014 - 00:12

    E' il popolo sovrano? No! E' il parlamento? No! E allora che cazzo ci sta a fare il governo?

    Report

    Rispondi

  • spadino65

    13 Febbraio 2014 - 13:01

    sono i tempi...4 anni

    Report

    Rispondi

  • forart.it

    13 Febbraio 2014 - 10:10

    Ma tutte le leggi, quando vengono promulgate, non passano un "vaglio" di costituzionalità ? No, perché a 'sto punto meglio farlo prima, altrimenti - come in questo caso - fioccheranno richieste di risarcimento allo Stato da parte delle "vittime" e/o dei loro familiari. Questo non è uno sperpero di denari pubblici ?

    Report

    Rispondi

  • arwen

    13 Febbraio 2014 - 10:10

    Tanto, come tutte le leggi di questo povero paese, non ha mai funzionato. Solo vorrei sapere ma ci voleva tanto per accorgersi che l'art. 7 era stato violato? Comunque ecco un altra pietra al collo del paese, la droga ormai la si trova dappertutto, non c'è angolo o giardino pubblico che non veda la presenza di venditori. Tra poco, con lo svuota carceri un'altra mandata di ex rivenditori sarà rimessa sul mercato. Cosa dire....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog