Cerca

Cornuto e mazziato

Pagina Facebook "vaffa Fs":
pendolare rischia tre anni

Un architetto bergamasco, stanco di disguidi e ritardi, aveva creato una pagina di protesta sul social network: rinviato a giudizio per diffamazione

Pagina Facebook "vaffa Fs":
pendolare rischia tre anni

Era il lontano 2008 quando Facebook diventò famoso in Italia. Ed è proprio nel 2008 che è iniziata questa storia, quando un pendolare bergamasco, stanco dei continui ritardi causati da problemi tecnici e neve, sulla tratta di viaggio Bergamo-Milano, decide di creare una pagina facebook con il titolo "Un caro vaff... a Mauro Moretti, amministratore di Fs, in 100 mila per mandarlo a casa a calci in culo". Il 40enne architetto si è trovato con una denuncia per diffamazione (aggravata dal mezzo utilizzato, il noto social network) e istigazione a delinquere, da parte dell'amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti. Ha avuto perquisizioni in casa, sul posto di lavoro e perfino dentro la propria auto. E ora, sei anni dopo lo sfogo via Facebook, andrà a processo per diffamazione (l'accusa di istigazione è caduta). Rischia tre anni di carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    13 Febbraio 2014 - 18:06

    uno dei responsabili della tragedia di Viareggio del 29 giugno 2009! In galera!

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    13 Febbraio 2014 - 15:03

    Se è vero,Moretti, poverino fa veramente pena. Altro infinito manager, incapace solo di intascare i suoi lauti stipendi rubati. Rubati perché se veramente fosse un manager le cose funzionerebbero......invece come dimostrato è tutto un casino, una schifezza.......ma una volta in Italia non c'era la libertà di pensiero???? Forse essendo la puttanella della sinistra pensiero e leggi senso unico.....ma quando loro sono incapaci non rimborsano chi paga il servizio....LADRI

    Report

    Rispondi

  • massimo1954

    13 Febbraio 2014 - 15:03

    Non disturbare il manovratore,è una regola sempre valida.Guai in Italia a mettersi contro i potenti specie se sono ex sindacalisti.

    Report

    Rispondi

blog