Cerca

Magna magna

Aosta, i consiglieri pagano le mazzancolle con i fondi pubblici

L'ultimo scandalo in Valle d'Aosta: cene, aperitivi ma anche motorini e teatro...

Aosta, i consiglieri pagano le mazzancolle con i fondi pubblici

"Operazione mazzancolle". Questo il nome che gli inquirenti hanno dato all'indagine sullo spreco di fondi pubblici dei consiglieri regionali della Valle D'Aosta. Dal Pd al Pdl, passando per i gruppi minori, tutti concordi nel decidere di spendere i soldi pubblici (ovvero soldi nostri) per se stessi. A partire da vino e cene di lusso (dove venivano spesso richieste le mazzancolle, da cui, appunto, il nome all'operazione) fino all'acquisto di carne di capra, di un motorino e all'ingaggio di 24 attori per la Festa della Calabria, per un totale di 40mila euro di spese totali. 

Non solo spese pazze - Sono 34 gli indagati in questa inchiesta, che ha individuato Massimo Lattanzi, coordinatore di Forza Italia, come gestore del conto da quale venivano poi distribuiti i soldi. Le indagini sono iniziate quando il Pd ha deciso di pubblicare su internet il proprio bilancio, non considerando che in questo modo avrebbe messo in bella mostra le spese pazze dei consiglieri. Va detto comunque che non ci sono solo acquisti bizzarri; alcuni consiglieri versavano i soldi direttamente sui propri conti correnti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    15 Febbraio 2014 - 14:02

    Queste regioni a "statuto speciale" che ci impoveriscono che ci rapinano che ci rubano i soldi vanno immediatamente eliminate. Non devono più esistere!

    Report

    Rispondi

blog