Cerca

Lite in strada

Tassista in coma a Milano
aggredito a bottigliate da un pedone

La lite è scoppiata per una precedenza non data: l'aggressore ora è ricercato

Tassista in coma a Milano
aggredito a bottigliate da un pedone

Un tassista è in gravissime condizioni dopo essere stato aggredito al culmine di una lite scoppiata, pare per banali motivi di viabilità, pare in centro a Milano. L'uomo, di 68 anni, è in coma e ora è sottoposto a un delicato intervento chirurgico all'ospedale Niguarda. Sarebbe stato colpito con una pesante confezione di bottiglie, lanciata sembra da un pedone, e avrebbe poi sbattuto il volto per terra.  Tutto è successo intorno alle 20.30 in via Morgagni, non distante da Corso Buenos Aires in centro a MIlano. Alcuni testimoni hanno parlato di una violenta ma breve lite fra il tassista e un pedone. Quest'ultimo avrebbe scagliato un pacco di bottiglie, o un altro oggetto pesante, che stava trasportando a mano o che ha preso da un'altra parte. Il 68enne sarebbe quindi caduto battendo la testa su un'automobile o per terra.

L'aggresssore è stato identificato nella notte. Si tratta di un uomo, sulla   cinquantina, abitante nella zona, sul quale sono in corso accertamenti  da parte della Polizia. La vittima dell’aggressione, Alfredo Famoso di  68 anni, è stato sottoposto ad un lungo e delicato intervento chirurgico e le   sue condizioni rimangono critiche. Secondo una prima ricostruzione pare che l’aggressore, dopo aver  fatto la spesa in un vicino supermercato, mentre stava attraversando   la strada abbia avuto un diverbio con il tassista e lo abbia colpito   con alcune bottiglie di plastica, piene d’acqua, appena acquistate. Il  tassista ha perso l’equilibrio e cadendo ha picchiato violentemente la  testa sull'asfalto, perdendo subito conoscenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog