Cerca

Fini: "Non rischia il governo

ma la fiducia nella politica"

Fini: "Non rischia il governo
Patrizia, Tarantini, le escort, le feste a Palazzo Grazioli, l'inchiesta di Bari: tutto il clamore che negli ultimi giorni si sta scatenando intorno al presidente del Consiglio non riuscirà a minare la solidità dell'esecutivo. Ne è convinto il presidente della Camera Gianfranco Fini che, interpellato dai giornalisti durante la conferenza stampa seguita a un dibattito al Cnel, risponde sicuro: "Non credo che ci sia un rischio di instabilità per il governo. C'é un rischio di minore fiducia dei cittadini nei confronti della politica e delle istituzioni, cioé del fondamento della democrazia". Fini, che parla a su futuro del parlamentarismo in Italia e in Germania, aggiunge: "È questo un tema che non riguarda governo o opposizione, ma tutti gli attori della politica italiana". Per superare la sfiducia dei cittadini, aggiunge Fini, "non esiste una sola strada, ne esistono tante. Se si parte dal presupposto che le istituzioni sono di tutti - spiega - sarebbe opportuno, quando si parla di riforme, di non seguire la via dell'approvazione a maggioranza, ma quella di riforme condivise".
"Una democrazia impotente e inefficace - afferma più tardi Fini nel suo intervento - alla lunga genera disillusione, scontento, alimenta la critica e il ripudio e finisce per alimentare progetti bonapartisti o cesaristi, con una delegittimazione del Parlamento inteso come luogo che rallenta le decisioni". Il presidente della Camera ha sottolineato la necessità di una "democrazia più forte, più legittimata, più partecipata, più rappresentativa, più efficace". E ha detto che "se vogliamo battere le pulsioni che ci sono di un rinnovato anti-parlamentarismo, il nostro primo dovere è quello di rendere il Parlamento la casa di tutti e di favorire la partecipazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    20 Giugno 2009 - 14:02

    Strani parametri quelli di voler riportare l'Italia ai valori d'un tempo :...il ministro Gelmini vorrebbe una scuola più "impegnata", meno spendacciona, più razionale e (magari)...con qualche bocciato in più !!...Il ministro Brunetta vorrebbe "sradicare" i fannulloni e tutto il diffuso "lassismo"nell'apparato statale !!...Il ministro Maroni vorrebbe un'Italia con meno extra-comunitari e più sicurezza!! Ma ad una classe politica (...la Casta), più presentabile...chi ci pensa ?? Il Papa :"I preti pedofili spingono i fedeli a rifiutare la Chiesa"...Non sarà parimenti che anche quello che si continua a sentire sulle vicende di tanti politici...allontanino la gente dalla politica ? Si stanno aprendo le porte della politica ad ogni sorta di "estetismo" pur che sia...a gente "senza arte nè parte"...a personaggi..."pur che luccichino" (...e richiamino voti), lasciando all'interno delle Istituzioni gente con carichi penali pendenti e non ancora risolti...ma ci rendiamo conto ? Magari,giustificando il tutto e dando la colpa...a questi "poveri tempi". Non vorrei stessimo rivivendo una riedizione aggiornata e corretta del famoso messaggio dato al popolo : "Armiamoci e...partite !!!". Ma non ci avevano sempre detto che il buon esempio deve arrivare dall'alto ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • gabrilella

    20 Giugno 2009 - 11:11

    Una volta eri il mio preferito, quando siamo andati alle elezioni nel 2001 mi sono detta: ecco ora comincia la vera democrazia con persone che vogliono davvero fare. Ma poi Fini e Bossi mi hanno un pò deluso, il fatto di voler presentarsi da soli mi ha portato a credere di più nella persona di Berlusconi. Oggi caro Fini sei nel partito unico che tu hai sempre dichiarato di volere, ma oggi non mi convinci. Oggi in questo momento così difficile dove la sx si sta giocando il tutto così malvagiamente così ipocritamente dove la sx sta iniettando il popolo di odio e cattiveria, in questo momento mi sarebbe piaciuto che tutti i leader del PDL e della Lega fossero più vicini per non dare adito a debolezze, l'unione fa la forza. Vorrei che in barba a tutte queste chiacchiere si facessero proposte di riforme molto importanti solo così si può spiazzare l'opposizione. Mi piacerebbe anche che la chiesa che dovrebbe infondere amore nella gente facesse qualcosa invece di alimentare anch'essa l'odio e la cattiveria. Coraggio Silvio.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    20 Giugno 2009 - 11:11

    Beh,Il Sig Fini dovrebbe capire che se si è persa la fiducia nella politica è anche merito suo,e delle sue continue giravolte a 180 gradi,in due anni è non solo riuscito a rinnegare tutto il suo passato politico,ma addirittura ora "esterna" come i suoi avversari politici,che sembra ormai uno di loro con grande gaudio della sinistra; che parla a fare allora? La fiducia è una cosa seria che si da alle cose serie,non a uno come lui.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    20 Giugno 2009 - 09:09

    a me risulta che a villa grazioli c'è la tv di d'Alema,possibile che anche lui faccia parte delle orge? non mi stupisco più di niente.Come mai tanto silenzio da RED TV?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog