Cerca

L'autoreggente Franceschini

fa il bis: porterò il Pd nel futuro

L'autoreggente Franceschini

Si sente il salvatore della patria. O meglio, del partito. Per questo Dario Franceschini ha deciso di ricandidarsi come leader del Pd. "Mi candido per portare il Pd nel futuro, per non tornare indietro": così  Franceschini annuncia la sua candidatura alla leadership del partito in vista del congresso di ottobre. IE lo fa attraverso un video messaggio, pubblicato sul suo sito www.dariofranceschini.it. La presa di posizione è netta: "Non posso riconsegnare il partito a quelli che c'erano prima di me, molto prima di me - spiega Franceschini -. Non farò nessun accordo di palazzo, nessuno scambio tra big nazionali. La mia proposta politico-programmatica sarà offerta direttamente alla base". Il segretario attacca: "Avevo detto che il mio lavoro sarebbe finito a ottobre e pensavo di passare il testimone alle nuove generazioni. In questi giorni, però, ho visto riemergere molti errori con l'emergere di protagonismi e della litigiosità». Per questo, sostiene, «non mi sento di tradire gli impegni che avevo preso e mi candido".
"Ascolterò - ha proseguito Franceschini - chi ha avuto ruoli di responsabilità nel governo e in politica dal '96 ad oggi ma ho intenzione di investire in una nuova squadra di donne e uomini cresciuti nella militanza: sindaci, amministratori, segretari locali, coordinatori di circolo. Fuori da ogni vecchio schema, fuori da ogni superata appartenenza''.

La nuova squadra - Franceschini annuncia una nuova squadra e una "nuova alleanza". Dobbiamo cominciare a lavorare con pazienza e con tenacia per costruire una nuova alleanza non solo per battere la destra ma anche per governare in modo efficace". Se l'alleanza cui fa riferimento Franceschini sembra più quella in seno al partito che all'esterno, immediata è stata comunque la replica del capogruppo dell'Idv alla Camera, Massimo Donadi: "L'Italia dei Valori è disponibile a costruire alleanze senza pregiudizi su un programma condiviso che preveda ai primi punti le nostre priorità, ovvero, la tutela del mondo del lavoro, una forte moralizzazione della politica e la lotta a sprechi e privilegi. Chiunque è disponibile ad impegnarsi su questi punti sarà nostro alleato".  Il Pd, aggiunge ancora il segretario in carica, deve prima di tutto "fare il bene del Paese anche stando all'opposizione», contrastando, se sbagliate, le misure del governo ma anche «pronto a confrontarsi nella chiarezza delle idee e dei ruoli". E sulla squadra: "Ascolterò chi ha avuto ruoli di responsabilità nel governo e in politica dal '96 ad oggi ma ho intenzione di investire in una nuova squadra di donne e uomini cresciuti nella militanza: sindaci, amministratori, segretari locali, coordinatori di circolo. Fuori da ogni vecchio schema, fuori da ogni superata appartenenza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlos01

    25 Giugno 2009 - 09:09

    comunque vada caro franceschini io credo che voi dovreste prima fare un corso di politica vera e poi candidarvi per fare qualcosa per la gente e toglirvi finalmente dal gossip, avete reso la politica come una satira, vi ricordo che dopo in pò stufa, la gente vuole fatti, ma non fatti da letto altrui, noi abbiamo problemi più seri che pensare cosa fa nel suo tempo libero berlusconi, pensi piuttosto a maturare, a volte mi sembra che lei faccia discorsi infantili e puerili, le dò un consiglio spassionato si ritiri lei è circondato da volponi che la mangeranno come un grissino. AUGURI

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    24 Giugno 2009 - 20:08

    Franceschini è cotto, tutto, dai piedi ai capelli. Ha ragione Gasparri, ci vuole un medico psichiatra. Porterò il partito nel futuro ha detto. Ma come si fa, dico io, a confondere futuro con baratro. Vacci a capire. Ecco la versione giusta: porterò il partito nel baratro. Quindi cari DS,lasciate il partito a Franceshini ed il gossip ai repubblichini e buona suerte.Il baratro , molto profondo è vicino e vi aspetta

    Report

    Rispondi

  • olga.antonelli

    24 Giugno 2009 - 20:08

    Non ho ancora capito se Franceschini si esprime sempre con un vano, modesto WISHFUL THINKING, ovvero è un sognatore incallito. In ogni caso non si rende conto di quanto male faccia ai suoi ed agli elettori italiani in genere. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • olga.antonelli

    24 Giugno 2009 - 19:07

    Franceschini, ovvero il vano, misero, banalissimo: WISHFUL THINKING ovvero IL SOGNATORE SONATO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog