Cerca

Bagnasco bacchetta la politica

"Non deve cedere agli eccessi"

Bagnasco bacchetta la politica
Un monito alla politica, affinché non ceda agli eccessi, è stato lanciato oggi dal presidente dell'episcopato italiano, card. Angelo Bagnasco, intervenuto ad un convegno della Cei sulla preparazione al matrimonio. "Gli italiani e specie i giovani, chiedono alla politica comportamenti coerenti e lontani dal clamore e dai riflettori", ha sottolineato Bagnasco, ribadendo che l'Italia "è aliena da derive e eccessi di qualunque tipo siano". Lintervento è stato rilanciato anche dall'Osservatore Romano che, sotto il titolo 'I giovani chiedono alla politica comportamenti coerenti', pubblica ampi stralci del discorso di Bagnasco. Il cardinale non cita in alcun passaggio le vicende personali del presidente del consiglio Silvio Berlusconi, ma parla semplicemente del degrado del clima morale in Italiae del significato della famiglia e dell'amore di coppia. Chiede quindi alla poltica di dare il buon esempio. "Il contesto socioculturale - ha spiegato il presidente della Conferenza episcopale italiana - dovrebbe accompagnare i giovani in generale nei loro progetti di vita. Le responsabilità sono di ciascuno ma conosciamo l'influsso che la cultura diffusa, gli stili di vita, i comportamenti conclamati hanno sul modo di pensare e di agire di tutti, in particolare dei più giovani che hanno diritto di vedersi presentare ideali alti e nobili, come di vedere modelli di comportamento coerenti". Il porporato, rivolgendosi direttamente alla politica, chiede infine di "onorare quella moltitudine silenziosa che questi ideali umani ed evangelici vive ogni giorno con umiltà e concretezza, senza clamore e riflettori. Moltitudine che esprime il vero ethos di fondo del nostro popolo e che è aliena da derive ed eccessi di qualunque tipo siano".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    27 Giugno 2009 - 09:09

    Noi Italiani,sin dal 20 settembre 1870 abbiamo terminato d'avere dei Prelati quali ministri. Già dobbiamo sopportare a mala pena i nostri che,più di taluno,farebbe bene a cambiare mestiere ed ora arriva il Prof. Bagnasco a dirci che cosa dobbiamo fare;pensi a se stesso ed ai problemi della Chiesa Apostolica Romana che di casi,molto seri,ne ha tanti. fraterni saluti

    Report

    Rispondi

  • gabrilella

    26 Giugno 2009 - 18:06

    sarebbe il caso a bacchettare prima la chiesa poi la politica io sono molto credente ma in chiesa ci sto andando poco, il più delle volte devo sorbirmi un comizio di sx.

    Report

    Rispondi

blog