Cerca

Tentano di sabotare rotaie

In cella due terroristi

Tentano di sabotare rotaie
 Stavano per sabotare una linea feroviaria. I ros hanno arrestato due anarco-insurrezionalisti con l'accusa di associazione sovversiva e attentato alla sicurezza dei trasporti pubblici. Quaranta perquisizioni sono in corso, su disposizione della procura di Perugia, nei confronti di altrettanti indagati. L'indagine era stata avviata dopo che i carabinieri avevano controllato i due su un'auto rubata, mentre si accingevano - secondo l'accusa - a sabotare la linea ferroviaria Orte-Ancona con ganci artigianali appositamente costruiti, che avrebbero interrotto la linea elettrica al passaggio del primo convoglio. Gli arresti sono stati eseguiti in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare del giudice di Perugia. Le oltre 40 perquisizioni, disposte dalla procura del capoluogo umbro, sono in corso in Lazio, Umbria ed altre regioni italiane.

Il manuale di sabotaggio - Il progetto di attentato alla linea ferroviaria seguiva fedelmente le modalità illustrate nel manuale clandestino «Ad ognuno il suo. 1.000 modi per sabotare questo mondo». È uno degli aspetti emersi nell'ambito della inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia su quella che viene definita una «pericolosa cellula anarco-insurrezionalista». Il libro, su internet, è consigliato a chi pensa "che la natura totalitaria del potere non ha eliminato le possibilità della rivolta; a chi non vuole gestire diversamente un sistema di morte, ma solo distruggerlo; a chi non disdegna le incursioni in quell’armeria collettiva dove le esperienze passate diventano presenti; a chi sente che le passioni smisurate non possono che diventare azione, questo libro è in buone mani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • adeliofioritto

    06 Luglio 2009 - 09:09

    Ma questi sono pazzi, ma davvero. Non hanno neppure bisogno di un'etichetta, hanno semplicemente perso il lume della ragione.

    Report

    Rispondi

blog