Cerca

Muore Maifredi, imputato

per piazza della Loggia

Muore Maifredi, imputato
 E' morto Giovanni Maifredi, uno dei sei imputati nel processo che si sta celebrando a Brescia per la strage di Piazza della Loggia. La posizione di Maifredi, della cui morte si è appreso oggi durante l’udienza di oggi, nei mesi scorsi era stata stralciata per motivi di salute. Il processo vuole trovare chi mise la bomba che nel 1974 esplose in Piazza della Loggia a Brescia, mentre era in corso una manifestazione organizzata dal comitato permanente antifascista per protestare contro la violenza di gruppi della destra neofascista. In particolare quello che aveva coinvolto Mainfredi era il secondo filone dell'inchiesta, quello che segnava il coinvolgimento anche dell'ex generale Francesco Delfino e di Pino Rauti. Delfino, ex generale dei carabinieri, ai tempi era responsabile del Nucleo investigativo dei Carabinieri di Brescia che poteva a quanto pare vantare legami forti con i servizi segreti militari; Maifredi invece all’epoca era l’ autista del ministro degli Interni Dc Paolo Emilio Taviani, noto come confidente di Delfino e presunto supertestimone della strage.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    03 Luglio 2009 - 14:02

    Magistratura:no grazie! Vi sembra logico che una persona per avere torto/ragione debba aspettare 35 e più anni? Dove sono i magistrati i giudici e tutta la compagnia durante questi eterni lunghi anni? Mi viene da dire: ma che c.z.o fanno questi magistrati!

    Report

    Rispondi

blog