Cerca

Roma, nuovo stupro

Caccia al violentatore seriale

Roma, nuovo stupro
A Roma gira un violentatore seriale. Finora era solo un'ipotesi, ma adesso arrivano i primi risultati di laboratorio a confermarla: il Dna coincide, dunque l'aggressore di un mese fa alla Bufalotta e quello di due giorni fa all'Ardeatino, periferie residenziali di Roma, sono la stessa persona. Adesso i carabinieri stanno verificando tutti i casi di aggressione a sfondo sessuale avvenuti nella capitale negli ultimi mesi per confrontare il modus operandi e, eventualmente, controllare le tracce di dna. I militari comunque frenano sui risultati del test: sarebbe infatti troppo presto per avere dati attendibili.

L'identikit - La polizia é riuscita a tracciare un primo sommario identikit dell'uomo che ha violentato la giovane di 21 anni in via Sommer, a Roma. L'uomo avrebbe tra i 30 e i 40 anni, sarebbe alto circa 1 metro e 75 e parla con un accento romano, cosi come il violentatore della Bufalotta. Ed emergono altre analogie con il caso di violenza avvenuto un mese fa. Secondo la ricostruzione degli investigatori l'uomo, con il volto coperto da un passamontagna, avrebbe chiuso anche in questo la bocca della ragazza con nastro isolante. La giovane ha subito violenza sessuale ma non percosse e il suo aggressore non le ha rubato il cellulare. Questi ultimi particolari, si e' appreso, sono ritenuti importantissimi sia per tracciare il profilo criminale dello stupratore sia per poter parlare di un 'violentatore seriale'. E a parlare di "un mostro, anzi di un mostriciattolo" è il sindaco Alemanno, preoccupato per una violenza sessuale che "non nasce dal degrado" ma "da una persona con problemi psichici, un mostro che opera nell'area metropolitana di Roma scegliendo le zone, dopo averle osservate lungamente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog