Cerca

Viareggio, altre due vittime

I morti salgono a 26

Viareggio, altre due vittime
Altre due vittime della strage di Viareggio. Un conto senza fine, che di giorno in giorno aggrava il bilancio delle persone che hanno perso la vita nello scoppio nei pressi della stazione. Stamani all'ospedale Cisanello di Pisa è morto Federico Battistini, 32 anni. E nel pomeriggio è morta anche Roberta Calzoni, 54 anni, che si trovava nell'ospedale Villa Scassi di Sampierdarena. Sale così a 26 il bilancio delle vittime dell'incidente avvenuto lo scorso 29 giugno. Lo rende noto l'Asl 12 di Viareggio. Battistini era il marito di Elena Iacopini, 32 anni, anche lei deceduta nella strage: vivevano in via Porta Pietrasanta, una traversa di via Ponchielli, la strada più colpita nell'esplosione provocata dal gas gpl fuoriuscito da una delle cisterne deragliate alla stazione di Viareggio. Battistini era un'autista della Clap, azienda di trasporto pubblico. Oggi alle 16,30, alla chiesa di San Paolino, si svolgeranno intanto i funerali di Alessandro Farnocchia, 24/a vittima della strage, deceduto sabato scorso. Risulta ancora disperso invece Andrea Falorni: per lui continuano le ricerche fra le macerie di via Ponchielli. Roberta Calzoni era madre di Sara Orsi, 24 anni, morta il 9 luglio nello stesso reparto delal madre: la donna non era mai stata messa la corrente della morte della figlia. Alcune ore dopo il decesso di Sara, infatti, era stata sottoposta a un innesto cutaneo e da allora era tenuta in coma farmacologico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • casalinga

    13 Luglio 2009 - 14:02

    il 26 marzo 2oo8 un treno passeggeri deraglio' per un cedimento strutturale a Castello, nei pressi di Firenze; il 22 giugno 2oo9 un vagone deraglio' a Vaiano e fu un altro cedimento strutturale,il 29 giugno la tragedia di Viareggio. Ai primi di giugno un altro incidente dovuto a caduta della linea elettrica nella galleria di Vernio. Troppi incidenti per cause oscure e tutti in toscana, voglio sperare che non si tratti di sabotaggi. Comunque a questo punto mi era venuto il desiderio di prendere un pulmann per andare da Firenze a Bologna invece del treno come faccio di solito.Ho scoperto che non esistono servizi di autopulman tra Firenze e Bologna. Esistono i pulman della Sena che vanno a Bologna ed hanno una fermata alla Certosa, ma li' non e' loro consentito imbarcare passeggeriper non fare concorrenza al trasporto ferroviario. Trovo molto incivile il fatto che i cittadini siano costretti a servirsi di treni sporchi e pericolosi.

    Report

    Rispondi

blog